cerca

I varietà-fantasma della Rai

Sempre più numerosi gli show che scompaiono prima di arrivare in video

Spariti dai palinsesti talvolta senza essere neppure approdati in video. È l'amaro destino di una serie di programmi il cui differente percorso televisivo è però legato dalla medesima, ingloriosa, sorte finale: la cancellazione dal video. Prima ancora che vedesse la luce è sparito, dal sabato sera targato Raiuno, il varietà «Sognando Las Vegas» che avrebbe dovuto incoronare la conduttrice Luisa Corna nuova regina del fine settimana di viale Mazzini. Dopo un iniziale blocco da parte del precedente CdA, che rifiutò di avallare uno show di prima serata abbastanza dispendioso, il programma ha subito un secondo stop alla messa in onda. Questa volta a causa del conflitto contro l'Iraq scoppiato solo qualche giorno prima. Preceduto da una consistente campagna pubblicitaria sulla prima rete, adesso momentaneamente interrotta, «Sognando Las Vegas», slittato anche sabato scorso a causa dell'incontro di calcio Italia-Finlandia, dovrebbe approdare in video sabato 12 aprile. Ma ancora una volta l'esordio è legato a due fattori fondamentali, primo tra tutti l'evolversi della guerra in corso.
In seconda battuta bisognerà affrettare la risoluzione di tutti i contratti inerenti gli artisti ed i personaggi sui quali ruota la trasmissione. Operazione indispensabile ma resa più complicata dalla situazione di profonda incertezza in cui versa ancora la Rai. L'ipotesi più probabile, si mormora a viale Mazzini è la messa in onda di «Sognando Las Vegas» ma con la riduzione delle puntate previste, magari da dieci a cinque. In questo modo si potrà limitare anche il dispendio economico di uno show che, firmato Ballandi, esige costi elevati.
È durata una sola puntata l'avventura televisiva della trasmissione «Di tutte, di più», condotta su Raiuno da Massimo Lopez. Dopo l'esordio è seguito l'immediato stop alla messa in onda. Motivo della prematura scomparsa l'umiliante responso dell'Auditel, poco più di tre milioni di spettatori, che ha clamorosamente bocciato un programma troppo simile a schemi precedentemente sfruttati. Con il risultato di incidere negativamente sulla professionalità del padrone di casa al quale l'insuccesso ha fatto più danni delle battaglie televisive precedentemente affrontate al timone della pur discussa striscia «Max & Tux». Adesso Lopez si terrà rigorosamente lontano dalla Tv e cercherà il riscatto artistico in un genere più gratificante: il teatro.
Da alcune settimane è stata limitata la presenza in video di un programma onnipresente, in tutte le stagioni, nel palinsesto di Raidue: «Sereno variabile». L'appuntamento gestito da Osvaldo Bevilacqua attualmente è in onda sulla seconda rete soltanto nella collocazione del sabato pomeriggio alle 18,30. Mentre, in passato, godeva di una presenza quotidiana con pochi aggiustamenti inerenti soltanto l'orario di trasmissione che si spostava dal tardo al primo pomeriggio, a seconda delle edizioni. Il futuro di «Sereno variabile» appare incerto. Sembra, infatti, che nella prossima stagione estiva, l'appuntamento o conserverà la collocazione settimanale, oppure potrebbe subire una interruzione e sparire dalla rete che tradizionalmente lo ha ospitato. Il tutto fino alle nuove decisioni del consiglio di amministrazione appena insediato.
Non è esclusa anche la possibilità di uno spostamento della redazione del programma da Roma a Milano. La conseguente riorganizzazione della struttura richiederebbe tempi lunghi e, soprattutto, l'approvazione del nuovo CdA. Le ultime polemiche di cui «Sereno variabile» è stato investito, riguardavano l'inserimento all'interno della trasmissione di Francesca D'Auria come inviata voluta dall'ex presidente di viale Mazzini, Baldassarre. Fortunatamente la caduta dei vertici dell'azienda ha annullato un progetto già esistente sulla carta.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello