cerca

«Vita sana grazie al senso dell'autoironia»

Un uomo con le proprie debolezze e le proprie forze, le proprie ansie, le proprie paure, le proprie certezze».
È contento di come le è andata finora la vita?
«Sono contento di tutto, di ridere, di essere con lei, di essere con la mia famiglia, di essere con tutti».
Comici si nasce o si diventa?
«Comici si nasce, a volte. Poi la vita ti regala sorprese e soprusi, amori ed amari, pianti e risate. A volte si nasce e a volte si nasce solo».
Si può ridere di tutto, ma non si può ridere con tutti. È d'accordo?
«È vero. È difficile saperlo, ammetterlo. L'ironia e l'autoironia sono elementi fondamentali per una vita sana».
Chi si accontenta gode?
«Sempre. Non so se è poco vivere. Mi accontento di poco. Vivere è l'unico massimo consentito. È da stupidi perdere un secondo della vita».
Conosce la rabbia?
«No, la combatto, la evito, la sconfiggo».
Le piace giocare?
«Io gioco spesso, quando posso, quando voglio. Lavoro e gioco. Gioco anche al Casinò. Vinco, perdo, pareggio».
Ha scelto di vivere gran parte della sua vita in Italia, perché?
«Sono fortunato. A volte mi invitano alle Barbados, alle Bahamas. Sono a Roma. C'è tanta gente che viene da ogni parte del mondo per vedere Roma. Perché dovrei andare via? Qualche volta parto, ma torno sempre presto».
Attore, doppiatore, autore e poi...?
«Soprattutto Oreste, il mio nome, soprattutto Lionello, il mio cognome».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello

Opinioni