cerca

Choc in Calabria

Armato crea il panico nel Vibonese: due morti in tre sparatorie. Arrestato

Uomo armato crea il panico nel Vibonese: tre sparatorie, morti e feriti. È caccia all'uomo

Pomeriggio di sangue tra Limbadi e Nicotera, nel Vibonese. Un uomo - Francesco Oliveri, 31enne di Nicotera - ha sparato in tre diverse occasioni: prima contro un'auto a Caroni, frazione di Limbadi. Poi l'irruzione in un bar di Limbadi paese dove l'attentatore ha ferito tre persone che si trovavano nel locale intente a giocare a carte. Uno dei feriti è fratello del proprietario dell'auto colpita pochi minuti prima. Quindi, l'uomo armato di fucile si è portato in via Nuovo Liceo a Nicotera dove dentro casa ha ucciso Michele Valerioti, 68 anni, del luogo, e Giuseppina Mollese, 80 anni. Quindi l'attentatore è fuggito via a bordo di una Fiat Panda, arrestato braccato dai carabinieri. La sua fuga è finita a Badia, frazione di Limbadi, nel Vibonese, dove il giovane di 31 anni, Francesco Oliveri di Nicotera, è stato arrestato. Ancora ignoti i motivi alla base del folle gesto. 

Imponente la caccia all'uomo. Due elicotteri si erano alzati dalla sede del Gruppo operativo dei carabinieri di Vibo Valentia per cercare di rintracciare l'uomo che nel pomeriggio ha aperto il fuoco con un fucile a Nicotera e Limbadi. Sulle tracce del fuggitivo si sono posti anche i "Cacciatori di Calabria", gruppo speciale dei carabinieri, mentre altri militari dell'Arma sono impegnati a visionare le immagini riprese da alcuni impianti di videosorveglianza nei pressi dei luoghi interessati dalla sparatoria.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari