cerca

apettando il morto

Dieci anni di pestaggi, sangue e devastazioni "rosse"

Altro che movimenti neofasciti da sciogliere: da Milano a Genova fino a Napoli ecco la violenza dei centri sociali

Dieci anni di pestaggi, sangue e devastazioni "rosse"

Sono violenti, intolleranti, sempre pronti, insieme a chi è più violento di loro, a mettere a ferro e fuoco le città; pensano di essere dalla parte giusta della storia, e che le loro aggressioni, intimidazioni, minacce, siano giustificate da una "lotta antifascista" contro un regime che nessuno vede. Sono i ragazzi, e le ragazze, dei Centri sociali, che non perdono occasione di far vedere di che pasta sono fatti, aggredendo le forze dell’ordine, spaccando vetrine, bruciando macchine, solidarizzando coi criminali.

Là dove c’è violenza, ci sono loro, con le loro molotov e le loro bombe carta. Violenti e troppo spesso tollerati e impuniti. Nonostante negli ultimi dieci anni, come dimostriamo pubblicando questo lungo elenco di azioni devastanti messe in atto nelle maggiori città d’Italia, si siano resi protagonisti di atti che nessuno avrebbe dovuto tollerare mettendo a rischio ogni volta la vita di cittadini e forze dell’ordine.

TORINO 29.2.2008
Due ragazzi dei Centri sociali irrompono nella sede di Forza Italia e gettano un secchio di escrementi.

CHIAIANO (NAPOLI) 23.5.2008
Alcuni esponenti dei centri sociali che protestano contro l’apertura di una discarica vengono fermati dopo essersi scontrati con la polizia.

BOLOGNA 5.7.2008
Si scontrano...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Dall'elicottero ai Fori: il lancio mozzafiato con il Tricolore

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda