cerca

terremoto giudiziario

Indagini inquinate, depistaggi e sentenze comprate: 15 arresti tra Roma e Messina. C'è anche un magistrato

Nei guai il giudice Giancarlo Longo e l'avvocato Piero Amara

Blitz anticorruzione della Guardia di Finanza: arresti e perquisizioni a Roma

Magistrati, avvocati, notai, funzionari pubblici, faccendieri e giornalisti. Tutti al servizio del miglior offerente. Ci risiamo: ancora una volta un terremoto giudiziario parte da Milano, attraversa la Capitale, supera lo stretto, oltrepassa Messina e si abbatte su Siracusa e la sua procura.

In carcere finiscono quindici persone. Tutte raggiunte da un’ordinanza consegnata dalla Guardia di Finanza. C’è il facilitatore a servizio di grandi aziende: Pietro Amara, siracusano di 48 anni. Sulla carta è un avvocato, ma secondo le tre procure che hanno condotto l’inchiesta (Milano, Roma, Messina), Amara non è solo un legale. È un uomo di potere, con relazioni importanti capaci di inquinare indagini e commettere reati tributari, sempre vicino a molti magistrati della giustizia amministrativa, del Consiglio di Stato, del Consiglio di giustizia amministrativa e del Tar Sicilia. È lui il fulcro delle 2 associazioni a delinquere entrate nel mirino degli inquirenti.

Tra gli indagati anche il notaio ed ex deputato regionale siciliano Giambattista Coltraro. E poi ci sono i magistrati compiacenti, oggetto di un esposto partito dai loro stessi colleghi aretusei. Erano in 8 a denunciare gli strani intrecci di interesse degli avvocati Piero Amara e Giuseppe Calafiore. Dopo l’intervento del Csm un magistrato di Siracusa aveva anche chiesto il trasferimento a Napoli nel tentativo di evitare quell’incompatibilità ambientale che aveva creato non pochi problemi. Il trasferimento, concesso, non lo ha salvato: il pm Giancarlo Longo è stato arrestato anche grazie alle cimici piazzate nei suoi uffici. Se ne era accorto, ma troppo tardi.

Gli inquirenti lo indagavano già per quei fascicoli auto assegnati e reinterpretati grazie a consulenze sospette. Amara, Calafiore e Longo sarebbero i promotori di un'associazione a delinquere. E se qualcuno non si piegava sarebbe stato screditato con articoli di stampa grazie alla penna “compiacente” del giornalista Giuseppe Guastella, firma del periodico “Il Diario”. E poi c'erano le pressioni esercitate ai danni dei pubblici funzionari coinvolti nei procedimenti amministrativi. Dalla costruzione del centro commerciale Fiera del Sud del Gruppo Frontino all'ampliamento della discarica gestita dalla Cisma Ambiente passando per gli appalti Consip e le sentenze del consiglio di Stato: i casi sono numerosi. E in tutti, o quasi, spunta il faccendiere Alessandro Ferraro, già noto alle cronache anche per le vicende legate al calcio scommesse.

Ai domiciliari finiscono Giuseppe Guastella, Davide Venezia, Fabrizio Centofanti, Mauro Verace, Salvatore Maria Pace, Vincenzo Naso, Francesco Perricone, Sebastiano Miano, Ezio Bigotti e Luciano Caruso. Indagati anche Gianluca De Michele e Francesco Perricone. Nelle carte c’è anche il nome di Raffaele De Lipsis, ex presidente del Cga, oggi in pensione, già finito sotto accusa nello scandalo Ustica Lines perché avrebbe cercato di convincere il suo successore, Claudio Zucchelli, ad accogliere un ricorso dell'armatore Ettore Morace. De Lipsis, che presiedeva il collegio del Cga, nel 2014 fece tornare la popolazione di Rosolini e Pachino alle urne, invalidando il voto delle sezioni elettorali. E ancora c’è l'ex presidente del Consiglio di Stato, Riccardo Virgilio, indagato in relazione a una vicenda relativa alla Sai8, società che gestiva il servizio idrico siracusano.

Dulcis in fundo il depistaggio nel caso Eni: si cerca di capire se Amara e Ferraro abbiano costruito un falso dossier sull’esistenza di un complotto contro l’Eni per screditare l'amministratore delegato Claudio De Scalzi, rinviato a giudizio per una tangente da 1,3 miliardi di euro per lo sfruttamento di un giacimento petrolifero in Nigeria. Una storia tutta da raccontare: nell'estate 2016 Ferraro aveva anche denunciato di essere stato vittima di un fantomatico tentativo di sequestro a Siracusa da parte di due nigeriani e un italiano. I millantati rapitori sarebbero stati interessati a conoscer notizie su un report che, di fatto, avrebbe provato un complotto internazionale per far fuori Descalzi. Sarebbe stato ordito addirittura dai servizi segreti nigeriani in combutta con ambienti finanziari italiani e con alcuni consiglieri del cda di Eni. Sul fatto era stato aperto un fascicolo. Da chi? Da Longo.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

La vittoria de Il Tempo
Carlotta ha il suo comunicatore

Acrobazie e show, gli Harlem Globetrotters a Il Tempo
Urla e scappa, poi accoltella il poliziotto: attimi di paura in via Appia a Roma
"La mia Lazio da Champions ma gli arbitri...", intervista esclusiva a Ciro Immobile