I SOCIAL CHE INNEGGIANO A MACERATA

Fotomontaggio choc, Boldrini sgozzata: così apprezzi le usanze dei tuoi amici nigeriani

Grazia Maria Coletti

Il post reso noto dai Sentinelli di Milano su Facebook con nome e cognome di chi lo aveva pubblicato

«Sgozzata da un nigeriano inferocito, questa è la fine che deve fare così per apprezzare le usanze dei suoi amici». Sui social c'è anche un'Italia che inneggia a Macerata. Il post più crudele è il fotomontaggio choc su Facebook che ritrae la testa insanguinata della presidente della Camera, Laura Boldrini poggiata su un tavolino con la didascalia contenente la terribile minaccia. Il post è stato segnalato dai "Sentinelli di Milano" su Facebook che condannano il fotomontaggio e attaccano l’autore con nome e cognome: «Non crediamo sia più tempo come pratica da social di cancellare il nome e il cognome di chi scrive o pubblica cose così. Noi diamo per scontato che Laura Boldrini abbia un grado di protezione tale da non rischiare nulla, perché di Gianfranco Corsi si sta riempiendo il Paese con mandanti politici fin troppo noti». Il fotomontaggio choc è solo il più eclatante segno di condivisione della sparatoria in strada a Macerata contro sei immigrati, cinque uomini e una donna (l'autore è un incensurato di 28 anni, Luca Traini), sull'eco della raccapricciante violenza sulla diciottenne romana, Pamela Mastropietro, fatta a pezzi e chiusa in due valigie, per cui è stato fermato un extracomunitario nigeriano.

This page might use cookies if your analytics vendor requires them.