cerca

Follia in hotel

Arrestato Dionisi, lo zingaro di Suburra. Ai poliziotti: "Vi sgozzo. Mica sono Alvaro Vitali"

L'ex ultrà passato al cinema sarà processato per lesioni, minacce e resistenza a pubblico ufficiale

Arrestato Dionisi, lo zingaro di Suburra. Ai poliziotti: "Vi sgozzo, sono l'attore più pagato del mondo"

Adamo Dionisi sul set di Suburra

La Questura di Viterbo ha diffuso i dettagli dell'arresto di Adamo Dionisi, l'ex capo ultrà degli Irriducibili della Lazio diventato un attore di grande successo dopo un periodo passato in carcere per droga. Celebre per il ruolo di Manfredi Anacleti, sanguinario capo  degli "zingari" di Suburra (film e serie tv) ispirati al clan dei Casamonica, Dionisi ha usato un linguaggio da boss anche con i poliziotti chiamati per fermare la furia dell'uomo in un hotel della Tuscia. "Arrestatemi, stasera vi ammazzo a tutti, vi sgozzo a voi e ai vostri figli. Maledetti... sono l’attore più pagato del mondo... vi rovino...", le parole dell'attore riportate dalla questura in una nota. L’attore avrebbe anche detto, riportano media locali: "Ripagherò tutto perché so 'n signore, mica ve sete bevuti Alvaro Vitali".

Secondo gli agenti l'uomo era profondamente alterato e aveva già minacciato ed aggredito il personale di servizio e la propria compagna, una quarantenne romana. Secondo quanto ricostruito dai poliziotti l'attore "aveva saputo che la propria donna con la quale aveva una burrascosa relazione sentimentale aveva cambiato la camera d’albergo. Raggiunta la stanza della compagna e abbattuta la porta l’aveva pesantemente percossa afferrandola per i capelli, trascinandola lungo il pavimento, procurandole lesioni per le quali si era poi rivolta al locale Pronto Soccorso dell’Ospedale Belcolle", si legge nella nota della Questura. 

Danneggiata anche l'auto della donna la quale ha dichiarato che Dionisi l'avrebbe indotta, nei tre giorni precedenti, a chiudersi in casa per sfuggire alle minacce di uccidere lei e i suoi famigliari. Così l'ex Irriducibile è stato tratto in arresto per resistenza e oltraggio a Pubblico ufficiale, lesioni dolose, minacce, rifiuto di indicazione sulle propria identità. In sede di rito direttissimo veniva convalidato l’arresto, disposta la scarcerazione  e fissata altra data di udienza. L’uomo è stato infine destinatario di foglio di via obbligatorio emesso dal questore di Viterbo  con divieto di far ritorno nel comune laziale per un periodo di tre anni. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Clochard accoltella poliziotto: paura in via Appia Nuova

"La mia Lazio da Champions ma gli arbitri...", intervista esclusiva a Ciro Immobile
Trump "passa" il check up: qualche chilo di troppo ma salute eccellente
Tartaruga imprigionata nella plastica nel mare delle Eolie

Opinioni