cerca

IL SISMA NEL CENTRO ITALIA

Amatrice, un anno fa il terremoto. Veglia e fiaccolata per le vittime

Amatrice, un anno fa il terremotoVeglia e fiaccolata per non dimenticare

Un anno dopo rimangono silenzio, tanta commozione e il desiderio di "rinascere". Il terremoto del 24 agosto 2016 spezzò 299 vite in tutta la Valle del Tronto: 249 vittime tra amatrice e Accumoli e ben 50 persone nella piccola Arquata del Tronto. Oggi nel Reatino tutti partecipano al triste anniversario già dalla notte, quando una lunga veglia commemora le vittime a partire dall'una e trenta. Le fiaccole illuminano il percorso, senza telecamere accese o telefonini come hanno chiesto i familiari. Si leggono i nomi di chi non ce l'ha fatta, poi alle 3.36 risuonano 249 rintocchi di campana. Uno per ogni abitante di quei luoghi che non c'è più 365 giorni dopo.

Terminata la veglia notturna il piccolo Comune, celebre prima del dramma per la famosa ricetta del sugo, si ritrova sotto la maxi tenda della Croce Rossa per la messa. "La ricostruzione sarà vera o falsa. È falsa quando procediamo alla giornata, senza sapere dove andare. Mi chiedo: siamo forse in attesa che l'oblio scenda sulla nostra generazione per lasciare ai nostri figli il compito di cavarsela, magari altrove? Rinviare non paga mai", ammonisce nella sua omelia monsignor Domenico Pompili, vescovo di Rieti. Poi avvisa. "Per rinascere non basteranno eroi solitari. Anzi, a dirla tutta, una comunità senza eroi è una comunità eroica. È la fuga dalla propria quota di impegno, infatti, che lascia le macerie dove sono; impedisce di ritornare; abbandona i più. Qui non si tratta di attribuire colpe a qualcuno o distribuire medaglie a qualcun altro, ma di fare quello che ci spetta".

Ad ascoltare le intense parole del vescovo anche il premier Paolo Gentiloni il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, il commissario uscente del governo per la ricostruzione Vasco Errani, il capo del Dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli oltre alla sindaca di Roma Virginia Raggi. Il sindaco Pirozzi pone l'attenzione sulla rimozione delle macerie ("È l'unico grave errore"), il collega di Accumoli Stefano Petrucci rassicura sulla consegna delle 'casette': "Sarà tutto fatto entro il 10 settembre". A complicare i tempi della ricostruzione c'è però sempre la burocrazia, che il vescovo di Ascoli Piceno, monsignor Giovanni D'Ercole, non esita a definire un "intralcio spietato che tenta di spingere lo spirito a un realismo fatale che rasenta il fatalismo della disperazione".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Diletta Leotta come non l'avete mai vista GUARDA

Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi
Degrado capitale, la stazione Termini è un  vespasiano a cielo aperto
La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"