cerca

IL PROCESSO

Mafia Capitale, è il giorno del giudizio per Buzzi e Carminati

L'ultimo atto del processo al "Mondo di Mezzo" e alla presunta "associazione di stampo mafioso". Politici, vip, ex banditi e insospettabili. Ecco gli imputati

Mafia Capitale, è il giorno del giudizio per Buzzi e Carminati

Reggerà o meno l' accusa di associazione di stampo mafioso contestata dalla Procura di Roma a Massimo Carminati, Salvatore Buzzi e "soci"? Si gioca tutto su questo punto cruciale la sentenza sul maxi processo "Mafia Capitale". Un quesito a cui oggi daranno una risposta i giudici della X sezione penale del Tribunale di Roma, presieduti da Rosanna Ianniello. Dopo centinaia di udienze celebrate nell'arco di 21 mesi nell' aula bunker di Rebibbia, con una media di 5 a settimana, a partire dal 5 novembre 2015, è arrivato finalmente il giorno della verità, o almeno della verità processuale. Ad attendere il verdetto ci saranno decine di giornalisti, cameraman delle tv tedesche, polacche e inglesi, ma anche sempli ci curiosi.

In totale la Procura ha sollecitato condanne per oltre cinque secoli di carcere nei confronti dei 46 imputati, una quindicina dei quali rispondono di 416 bis. Tra loro i presunti capi dell' organizzazione: l' ex terrorista nero Massimo Carminati e il ras delle cooperative rosse Salvatore Buzzi. Entrambi si trovano ristretti in regime di 41 bis, rispettivamente nel penitenziario di Parma e in quello friulano di Tolmezzo, da dove seguiranno in videoconferenza il capitolo finale di questo dibattimento, di cui non si sono persi un' udienza. L'accusa ha chiesto 28 anni di reclusione per il "cecato" e 26 anni e 3 mesi per l'imprenditore...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie