cerca

L'INCHIESTA ABRUZZESE SULLE TANGENTI

Come a L'Aquila anche per il terremoto di Amatrice un imprenditore ride al telefono

Come a L'Aquila anche  per il terremoto del Centro Italia c'è un imprenditore che ride

Anche per il terremoto del Centro Italia dello scorso anno c'è un imprenditore che ride al telefono. Come per il sisma de L'Aquila, otto anni fa, quando Francesco Piscicelli, intercettato, diceva: "Io ridevo stamattina alle 3 e mezzo dentro il letto". Si tratta di Vito Giuseppe Giustino, 65enne di Altamura (Bari), presidente del Cda della cooperativa l'Internazionale intercettato nella nuova inchiesta della procura dell'Aquila su presunte tangenti nella ricostruzione pubblica. Il gip scrive: '"'RIDE'. L'uomo, ai domiciliari, annuisce e ride parlando delle future commesse, in particolare ad Amatrice".

Si tratta di una telefonata tra Giustino e il geometra della sua stessa ditta, Leonardo Santoro, anche lui ai domiciliari. "Santoro - si legge nell' ordinanza - gli racconta quello che ha detto a Lionello Piccinini, dipendente del Mibact Abruzzo, a sua volta ai domiciliari, dopo il Terremoto di Amatrice: 'Se ti posso essere utile, voi fate l'elenco, mo' dovete fare uno screening dei beni sotto vostra tutela: se vi serve qualcosa per i puntellamenti, via dicendo, noi siamo a disposizione', racconta Santoro a Giustino, che ride più volte. 'Siamo strutturati, abbiamo una struttura potentissima e abbiamo bisogno di fare qualcosa per tenerci attivi. Abbiamo chiuso un po' di cantieri e abbiamo diciamo una cinquantina di unità lavorative che non so dove c...o mandarle".

L'ordinanza di custodia cautelare, di 183 pagine, è stata emessa dal giudice Giuseppe Romano Gargarella e sottolinea il "comportamento particolarmente cinico" degli imprenditori.

Gli imprenditori, professionisti e funzionari dei beni culturali d'Abruzzo raggiunti da misure cautelari dell'inchiesta sono quindici mentre gli indagati sono 35. Dieci sono ai domiciliari.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • Giuseppe

    Stano

    00:12, 20 Luglio 2017

    vietato ridere

    Che grande cavolata, se un imprenditore intravede di assumere qualche lavoro è chiaro che ride, ma non per il terremoto ma perché forse riesce a trovare un lavoro per i suoi 50 operai ormai senza prospettive. Estrapolare una frase dal contesto non significa niente. Cosa deve fare un imprenditore, siccome il lavoro che forse gli permette di far lavorare i suoi 50 operai è frutto di una grande tragedia "il terremoto" non deve gioire della prospettiva di prendere il lavoro ? Che cavolata enorme.

    Rispondi

    Report

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello