cerca

L'INCHIESTA DELLA PROCURA DI ROMA

Consip, il ministro Lotti torna davanti ai pm

Consip, al via l'interrogatorio del ministro Lotti

Il ministro Luca Lotti

È durato oltre un'ora il secondo faccia a faccia tra il ministro dello Sport Luca Lotti e i magistrati che si occupano dell'inchiesta Consip. Indagato per rivelazione del segreto d'ufficio nel fascicolo sulla fuga di notizie relative al caso Consip, il fedelissimo di Matteo Renzi è stato interrogato dal procuratore capo Giuseppe Pignatone, dall'aggiunto Paolo Ielo e dal pm Mario Palazzi. I responsabili del fascicolo, hanno lasciato gli uffici di Piazzale Clodio intorno alle 11 del mattino per recarsi in un luogo riservato dove, circa un'ora dopo, è iniziato l'atto istruttorio. "È stato un interrogatorio sereno - hanno spiegato i legali del Ministro, Franco Coppi ed Ester Molinaro - Ha risposto a tutte le domande che gli sono state rivolte e ha ribadito con fermezza la sua estraneità ai fatti contestati".

Sono due i fascicoli aperti dalla procura di Roma per la fuga di notizie sulla vicenda Consip: una è legata a informazioni giunte ai vertici dell'azienda che sarebbero stati a conoscenza di intercettazioni e pedinamenti in corso: rispondono di rivelazione di segreto d'ufficio il ministro Lotti, il comandante generale dei carabinieri, Tullio Del Sette e il generale di brigata dell'Arma Emanuele Saltalamacchia, oltre al presidente di Publiacqua Firenze Filippo Vannoni.

L'altro filone è riferito agli atti istruttori coperti da segreto di cui sono venuti a conoscenza organi di stampa. Per questa vicenda il Noe venne sollevato dalle indagini che furono affidate al Nucleo investigativo di Roma, e nel fascicolo sono coinvolti il magistrato di Napoli Henry John Woodcock, e la conduttrice di "Chi l'ha visto" Federica Sciarelli.

Inoltre risponde di falso il capitano del Noe Gianpaolo Scafarto, che secondo gli inquirenti avrebbe alterato in più punti l'informativa sulla quale si basavano buona parte delle accuse a Tiziano Renzi, indagato per traffico di influenze; e il vice comandante del Nucleo operativo ecologico, Alessandro Sessa, è accusato di depistaggio per aver mentito nel corso di un'audizione testimoniale con i pm.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello

Opinioni