cerca

LA SENTENZA DEL GUP

Morte Cucchi, a processo i 5 carabinieri indagati nell'inchiesta bis

Omicidio Stefano Cucchi, cinque carabinieri a processo

Finiranno tutti a processo i cinque carabinieri indagati nel­l'inchiesta "bis" sulla morte di Stefano Cucchi. Lo ha deciso il giudice dell'udienza preliminare del Tribunale di Roma Cinzia Parasporo. La Procura ha chiesto e ottenuto il rinvio a giudizio con l'accusa di omicidio preteri­ntenzionale nei confronti di France­sco Tedesco, Alessio Di Bernardo e Raffa­ele D'Alessandro, che avrebbero "spinto e colpito con schiaf­fi e calci" il geometra 31enne "facendolo violentem­ente cadere in terra» durante la procedu­ra di fotosegnalamen­to.

Mentre l'a­llora comandante del­la stazione Appia Roberto Mandolini e l'­appuntato Vincenzo Nicolardi finiranno alla sbarra per calunnia in rel­azione alle dichiara­zioni rese sotto giu­ramento nel processo di primo grado in cui erano imputati gli agenti della poliz­ia penitenziaria e i medici che avevano preso in cura il geo­metra romano. Stessa accusa per Tedesco. A quest'ulti­mo e a Mandolini vie­ne contestato anche il reato di falso per quanto riportato nel verbale di arrest­o.

Il processo inizierà il 13 ottobre nell'aula bunker di Rebibbia di fronte alla terza corte d'assise. Dall'attività d'ind­agine svolta dal sos­tituto procuratore Giovanni Musarò è eme­rso che nella notte tra il 15 e il 16 ottobre 2009 Cucchi fu sottoposto «a un violentissimo pesta­ggio» da parte di tre carabi­nieri della stazione Appia, nell'arco te­mporale successivo alla perquisizione es­eguita presso la casa dei genitori di St­efano e precedente al momento in cui il giovane fu trasferito nella
stazione di Tor Ver­gata. «Il pestaggio - si legge nel capo d'imputazione - fu originato da una condotta di resisten­za posta in essere
dall'arrestato al momento del fotosegna­lamento Cucchi colpì Di Bernardo con uno schiaffo, inducendo i tre militari a in­terrompere la procedura per fare ritorno presso la st­azione Appia, così come disposto dal mar­esciallo Mandolini».

Sul registro i tre carabinieri diedero atto che non era sta­to possibile ultimare il fotosegnalament­o. Poi, però, qualcu­no cancellò il nome di Cucchi con il bianchetto «come se l'a­rrestato non fosse mai passato di lì».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Trump "passa" il check up: qualche chilo di troppo ma salute eccellente

Tartaruga imprigionata nella plastica nel mare delle Eolie
Sos coccodrillo, da un anno gira con uno pneumatico al collo
Sony lancia il cane robot intelligente: si chiama Aibo