cerca

IL SUPER RICERCATO

Johnny Lo Zingaro sta venendo a Roma

Potrebbe essere partito da Genova per raggiungere in treno la Capitale. Una carriera criminale iniziata a soli 11 anni, a 15 il suo primo omicidio

L'evaso Johnny lo Zingaro avvistato a Genova: è caccia all'uomo

Giuseppe Mastini, l'ergastolano in semilibertà detto Johnny lo Zingaro

Michele Giraldi è a terra agonizzante. Intorno alla sua testa si è allargata veloce una pozza scura di sangue. Sulla fronte, il foro di un proiettile. Il suo collega Mauro Petrangeli è lì vicino, ferito gravemente. Altri agenti, intervenuti sul posto, al Tuscolano, piangono e imprecano, maledicendo l’assassino. È la notte del 23 marzo 1987. E la "sfortuna" dei due poliziotti è aver inseguito e fermato l'auto sulla quale viaggiavano Giuseppe Mastini e la compagna Moira Pochetti. Nella Fiat c’è anche Silvia Leonardi, una ragazza rapita mentre era con il suo fidanzato. "Lo Zingaro" non ha esitato un attimo: è sceso dalla berlina pistola in pugno e ha scaricato la sua 357 magnum contro i due uomini in divisa. E non è la prima volta che "Johnny", messo alle strette, dimostra la sua totale mancanza di scrupoli, una ferocia che oggi, a tre decenni di distanza, continua a fare paura. Sì, perché il bandito diventato ergastolano nel 1989 dopo una lunga escalation criminale che comprende un micidiale cocktail di rapine, sequestri di persona e omicidi, è di nuovo libero. Di nuovo in fuga, evaso per l’ennesima volta, dal regime di semilibertà. La caccia all'uomo è appena iniziata. E l'uomo, anche se per ora non è armato e si avvia verso i sessant’anni, è sicuramente pericoloso.

Giuseppe Mastini ha fatto perdere le sue tracce venerdì mattina. Detenuto a Fossano, in provincia di Cuneo, doveva essere al lavoro alle 10 alla scuola di formazione e aggiornamento della Polizia penitenziaria di Cairo Montenotte, nel Savonese. Da novembre vi svolgeva piccoli lavori. Ma non ci è mai arrivato. Ed è subito partito l'allarme, anche se l'evasione ufficialmente scatta a 12 ore dal mancato rientro. Avrebbe dovuto prendere un treno da Fossano e non l'ha fatto. Ha fermato un taxi e ha chiesto al conducente di portarlo a Genova, facendosi lasciare nella zona della della stazione Brignole, dove è stato avvistato. Lo Zingaro è fuggito, ormai non ci sono dubbi. Ma dov’è andato? Forse è tornato nella Capitale. "Non capisco che cosa...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Trump "passa" il check up: qualche chilo di troppo ma salute eccellente

Tartaruga imprigionata nella plastica nel mare delle Eolie
Sos coccodrillo, da un anno gira con uno pneumatico al collo
Sony lancia il cane robot intelligente: si chiama Aibo