cerca

I PERSONAGGI

Federica Sciarelli e Henry John Woodcock due cuori e una manetta

La giornalista e il magistrato indagati per fuga di notizie nel caso Consip fanno coppia fissa. L’incrocio: lui indagò Anna La Rosa e poi l’Ordine (di cui lei era consigliere) la sospese

Federica Sciarelli e Henry John Woodcock due cuori e una manetta

Il «Cavaliere» Sciarelli ha un passato da mezzofondista, un padre avvocato dello Stato, un incarico di consigliere all’Ordine dei giornalisti del Lazio e, prima di diventare l’icona televisiva di «Chi l’ha visto?», ha fatto quasi tutta la sua carriera in Rai, in particolare al Tg3, dove è stata tra le prime donne a far parte della redazione politica di quella che, all’epoca, veniva definita «Telekabul».

Un termine che i detrattori usavano per indicare l’ortodossia con cuil’allora direttore del tg Sandro Curzi presentava i suoi editoriali pedissequamente filo-Pci. Federica Sciarelli nasce a Roma, ma da genitori napoletani, il 9 ottobre 1958. Già da giovanissima ha le idee chiare: vuole fare la giornalista. E ne ha la stoffa, visto che a vent’anni vince una borsa di studio per l’avviamento alla carriera nel settore risultando seconda su ben diecimila candidati. Dopo quattro anni all’Ufficio informazioni parlamentari, la giornalista indagata ieri per il suo presunto ruolo di tramite nell’ambito dell’inchiesta Consip con l’aristocratico pubblico ministero potentino Henry John Woodcock (il magistrato è nato in Gran Bretagna e discende da una nobile famiglia inglese), in quegli anni si occupa a tempo pieno di politica, fino a quando non diventa inviata. Al Tg3 conduce l’edizione...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni