cerca

TRE MORTI NELLO SCOPPIO

Milano, fece esplodere il palazzo per punire la compagna: ergastolo per Pellicanò

Milano, fece esplodere il palazzo per punire la compagna: ergastolo per Pellicanò

Giuseppe Pellicanò, l'uomo che il 12 giugno dell'anno scorso fece esplodere una palazzina a Milano causando 3 morti e 3 feriti, è stato condannato all'ergastolo. Il pubblicitario aveva svitato il tubo del gas della cucina del suo appartamento provocando un'esplosione nella palazzina di via Brioschi a Milano nel giugno 2016 e uccidendo la sua ex compagna Micaela Masella, la coppia di vicini di casa marchigiani, Chiara Magnamassa e Riccardo Maglianesi, e ferendo gravemente le sue due bimbe. La condanna è stata decisa dal gup Chiara Valori nel processo abbreviato. Il giudice non ha tenuto conto della perizia psichiatrica disposta dal Tribunale in fase di indagini che aveva accertato il "vizio parziale di mente" del pubblicitario che aveva ammesso di aver svitato il tubo del gas della cucina del suo appartamento mentre si trovava in uno stato di "euforia ebete" dovuto alla massiccia assunzione di psicofarmaci.

L'uomo, secondo quanto emerso, stava infatti attraversando una fase di profonda depressione per una crisi coniugale: la sua compagna Micaela aveva infatti espresso l'intenzione di lasciarlo per andare a vivere insieme al suo nuovo fidanzato. "La sua capacità di intendere e di volere al momento del fatto - avevano messo nero su bianco i periti Isabella Merzagora, Franco Martelli e Marco Zucconi - era, per infermità, grandemente scemata". Ma il giudice milanese non ha tenuto conto dell'esito della perizia sullo stato di seminfermità mentale dell'imputato e lo ha anche condannato a 5 anni di libertà vigilata una volta finita di scontare la sua condanna.

Disposta anche la decadenza della podestà genitoriale per l'uomo. Il Tribunale dei Minorenni gli aveva già tolto le sue due bambine, 7 e 11 anni, entrambe rimaste gravemente ustionate dall'esplosione, affidandole ai nonni materni. "Le bimbe stanno bene - ha riferito la mamma di Micaela Masella che le accudisce insieme al marito - vedremo cosa vorranno fare in futuro con il loro padre". Pellicanò, ha inoltre stabilito il gup Valori, dovrà versare una provvisionale 350 mila euro a ciascuno dei genitori di Micaela Masella, 160 mila euro alla sorella e 400 mila euro a ciascuna delle figlie. E ancora: 350 mila euro a ciascuno dei genitori di Riccardo Maglianesi e Chiara Magnamassa e 160 mila euro ai fratelli delle due giovani vittime.

I parenti delle vittime erano presenti in aula e molti di loro non sono riusciti a trattenere le lacrime dopo la lettura della sentenza. "Purtroppo è una sentenza che non ci restituisce la nostra Micaela", ha commentato il signor Masella. "Perdono? Io no, non perdono", ha aggiunto la sorella di Micaela. Tra le parti civili anche alcuni abitanti del condominio di Via Brioschi, gravemente danneggiato dalla deflagrazione: riceveranno una provvisionale di 3 mila euro ciascuno. Sarà poi un giudice civile a stabilire l'esatta entità dei risarcimenti da versare a favore delle parti civili. Tra 60 giorni le motivazioni della sentenza. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni