cerca

DOPO LA BANCAROTTA

Altra condanna per Emilio Fede: due anni e tre mesi per i foto-ricatti a Mediaset

Altra condanna per Emilio Fede: due anni e tre mesi per i foto-ricatti a Mediaset

Il pubblico ministero Silvia Perrucci con Gaetano Ferri

Dopo la condanna a tre anni e mezzo nel processo milanese in cui era imputato per concorso in bancarotta con Lele Mora, Emilio Fede è stato condannato dal Tribunale di Milano a due anni e tre mesi di carcere per la vicenda con al centro alcuni fotomontaggi e presunti ricatti ai vertici di Mediaset, quando il giornalista venne rimosso dalla sua carica di direttore del tg4. Una pena inferiore a quella domandata dal pm Silvia Perrucci che aveva chiesto 4 anni e 9 mesi perché il giudice Alberto Carboni ha riqualificato due dei tre reati. Secondo l'accusa, l'ex direttore avrebbe dato mandato a Gaetano Ferri, suo ex personal trainer, e ad altre due persone di "costruire" fotomontaggi falsi e compromettenti ai danni del direttore dell'informazione di Mediaset, Mauro Crippa e del presidente dell'azienda Fedele Confalonieri. Attraverso una serie di "pressioni e minacce", è la tesi del pm, avrebbe costretto "Crippa, Confalonieri ma anche lo stesso Silvio Berlusconi" a fargli avere "un accordo più vantaggioso con una buonuscita di 820mila euro e un contratto di collaborazione di 3 anni".

Un episodio di estorsione relativo ai fotomontaggi quando venne licenziato è stato riqualificato in tentata estorsione, mentre la contestazione di violenza privata per alcuni sms inviati a Ferri è stata convertita in minacce. Alle parti civili Confalonieri e Ferri è stato riconosciuto un risarcimento rispettivamente di 20mila e 2mila euro.

"Fede è stato condannato ingiustamente, lo possiamo dire con molta serenità. Non ha fatto nulla di quello per cui è stato condannato oggi e l'altro ieri", ha detto l'avvocato Alessandra Guarini, legale dell'ex direttore del Tg4. "Faremo di tutto per dimostrare l'innocenza di Emilio Fede - ha spiegato il suo difensore - e useremo le prove che paradossalmente ci hanno fornito proprio questi processi, prove che i giudici evidentemente non hanno saputo cogliere e che invece speriamo vengano colte in sede d'appello".

"Emilio Fede vantava un'amicizia vecchia 25 anni con il presidente Berlusconi ma quello che è emerso è solo la minima parte di quello che voleva fargli", ha detto Gaetano Ferri, il personal trainer che ha scelto il rito abbreviato ed è già stato condannato in appello per la stessa vicenda.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Trump "passa" il check up: qualche chilo di troppo ma salute eccellente

Tartaruga imprigionata nella plastica nel mare delle Eolie
Sos coccodrillo, da un anno gira con uno pneumatico al collo
Sony lancia il cane robot intelligente: si chiama Aibo