cerca

DA PIOMBINO

Incendio sul traghetto per Olbia, paura a bordo tutti illesi

Incendio sul traghetto per Olbia, paura a bordo tutti illesi

Paura la scorsa notte per un incendio divampato nel garage principale della nave "Giuseppe Sa", salpata da Piombino e diretta ad Olbia. Illese le 113 persone a bordo, 82 passeggeri e 31 membri dell'equipaggio. L'allarme è stato lanciato dal comandante all'1,30 e raccolto dalla Direzione marittima di Olbia, quando la nave, nelle acque di giurisdizione della Capitaneria di porto della Maddalena, si trovava a 50 miglia circa dall'imboccatura del porto di Olbia. Sono scattare le operazioni di soccorso, ed è stata inviata sul posto la motovedetta CP 306 della Capitaneria di porto della Maddalena. Allertati anche il rimorchiatore portuale "Mascalzone Scatenato", e i traghetti "Moby Wonder" e "Moby Aki", della stessa Compagnia di navigazione della "Giuseppe Sa", che si trovavano in zona. Da Sarzana è decollato un mezzo del Nucleo Elicotteri della Guardia Costiera e da Civitavecchia è partita un'altra motovedetta d'altura. Frattanto, il comando della nave ha attivato l'impianto fisso CO2 per l'estinzione dell'incendio e ha chiuso le paratie d'emergenza per evitare il propagarsi delle fiamme.

I passeggeri, che non hanno mai corso alcun pericolo, sono stati costantemente informati dell'evolversi degli eventi e assistiti dal comando di bordo. Alle 3.15 la motovedetta CP 306 ha intercettato la "Giuseppe Sa" e l'ha scortata fino all'ingresso del porto di Olbia, dove alle 6.20 ha ormeggiato al molo 8 del pontile Isola Bianca. Ad attenderla i Vigili del Fuoco e personale specializzato del nucleo PSC della Capitaneria di Porto di Olbia e un'ambulanza del 118. Terminate le verifiche dei Vigili del Fuoco e domate completamente le fiamme, i passeggeri hanno potuto sbarcare con i loro veicoli. L'autorità marittima ha avviato indagini per accertare cause e circostanze dell'incendio. 

La società armatrice Moby ha fatto sapere che il principio di incendio scoppiato nella notte nel garage del ponte 3, è stato causato «da un corto circuito generato da un autoarticolato imbarcato» ed è stato «prontamente domato grazie alla preparazione dell'equipaggio, che ha attivato immediatamente l'impianto fisso antincendio Co2». «Una ditta specializzata interverrà per ripristinare l'impianto co2 e verificare gli eventuali lievi danni, in modo da consentire alla nave di rientrare in linea il prima possibile, dopo aver ottenuto le necessarie autorizzazioni. A bordo erano presenti 11 autisti, 82 passeggeri, 34 camper, 1 auto, 10 articolati, 1 furgone e 7 semirimorchi. Questa sera - conclude il comunicato di Moby - la partenza da Olbia per Piombino verrà effettuata regolarmente da un'altra unità già presente nel porto di Olbia».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni