cerca

LA VALANGA SUL GRAN SASSO

Rigopiano, sei indagati per la strage dell'hotel: c'è anche il sindaco di Farindola

Hotel Rigopiano, sono tre gli allarmi valanghe ignorati

Svolta nell'inchiesta sulla tragedia di Rigopiano. La Procura di Pescara ha circoscritto a sei persone le responsabilità sulla morte delle 29 persone rimaste travolte dalla valanga che il 18 gennaio scorso si è abbattuta sull'hotel Rigopiano.

Sono indagati per omicidio colposo plurimo e lesioni colpose: il presidente della Provincia di Pescara Antonio Di Marco, il dirigente provinciale delegato alla viabilità Paolo D'Incecco, il responsabile della zona Mauro Di Blasio, il sindaco di Farindola Ilario Lacchetta e il geometra comunale Enrico Colangeli. Il direttore del resort Bruno Di Tommaso è indagato anche per “l'omissione del collocamento di impianti, apparecchi o segnali destinati a prevenire disastri o infortuni sul lavoro”. Tra le vittime della slavina ci sono infatti anche membri dello staff che lavorava nell'albergo.

Ai sei indagati sono stati notificati gli avvisi a comparire per essere interrogati dai pm. La Procura non ha invece individuato responsabilità penali in merito a come sono stati gestiti i soccorsi. Non sono state contestate al momento irregolarità alla cabina di regia allestita presso la Prefettura, dove arrivò la famosa telefonata in cui si segnalò che l'hotel Rigopiano era crollato e che c'erano delle persone intrappolate sotto le macerie.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello