cerca

IL CASO IN TRIBUNALE

Se sparli del capo su WhatsApp perdi il lavoro

Due impiegate si sfogano in chat contro il principale: scoperte e licenziate. L’avvocato: "Se non ci sono insulti è diritto di critica"

Nel 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi cellulari

Uno sfogo nella chat dove si scrivevano con i colleghi di lavoro. Parole arrivate all'orecchio del capo, che non ha gradito, e le ha licenziate. Protagoniste della disavventura due impiegate di 29 anni di un'azienda della provincia di Parma nei confronti delle quali il datore di lavoro ha deciso di troncare il rapporto contrattuale. La vicenda prenderebbe le mosse dal contenuto delle discussioni su Whatsapp tenute con altri dipendenti della piccola azienda che opera nel settore del confezionamento di alimentari e ortofrutta.

La chat in questione originariamente sarebbe nata per concordare fra i lavoratori eventuali scambi dei turni, salvo poi essere utilizzata per scambiare idee e opinioni fra colleghi. Uno di questi però avrebbe informato i...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni