cerca

LA RICHIESTA DEL CONSIGLIERE LAICO ZANETTIN

Omicidio di Alatri, il "Csm apra un fascicolo sulla scarcerazione di chi ha picchiato Emanuele Morganti"

Omicidio di Alatri, rinviata a domani l'autopsia di Emanuele Morganti. Al vaglio la posizione degli altri 5 indagati

Emanuele Morganti

Aprire una pratica in Prima Commissione per valutare se sussistano i presupposti per un trasferimento d'ufficio per incompatibilità nei confronti del giudice del Tribunale di Roma che, venerdì scorso, ha disposto la scarcerazione, senza obbligo di firma, di Mario Castagnacci, indagato per l'omicidio di Emanuele Morganti, avvenuto ad Alatri qualche ora dopo la scarcerazione.

E' quanto chiede il consigliere laico, Pierantonio Zanettin, al Comitato di presidenza del Csm, con un documento depositato questa mattina. "La vicenda processuale, scrive Zanettin, "merita un approfondimento da parte del Consiglio Superiore della Magistratura" per "verificare la correttezza dell'iter". Secondo il laico del Csm "è del tutto evidente che gli esiti tragici della vicenda non possono essere addebitati al magistrato che ha disposto la scarcerazione dello spacciatore, ma e' altrettanto evidente che si sarebbero evitati, applicando canoni ermeneutici diversi e piu' rigorosi, in tema di spaccio di stupefacenti". Zanettin, infatti, osserva che la scarcerazione di Castagnacci sia avvenuta "nonostante fosse stato trovato in possesso di grandi quantità di stupefacenti e fosse recidivo".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni