cerca

FAMIGLIA DISTRUTTA

Firenze, uccide moglie e figlia disabile poi si ammazza

Firenze, uccide moglie e figlia disabile poi si ammazza

Ha ucciso la moglie e la figlia disabile a colpi di fucile, poi ha rivolto l'arma contro se stesso togliendosi la vita, a Firenze, in una abitazione in via di Brozzi, periferia ovest della città. A dare l'allarme dopo questo dramma familiare è stato Marcello Mini, il nipote dell'uomo, Guerrando Magnolfi, l'84enne che ha sparato uccidendo la moglie Gina, di ottantadue anni, e la figlia Sabrina, quarantaquattro anni, tetraplegica, e che poi si è ucciso. Indagano i carabinieri.

Poco prima del delitto-suicidio il pensionato aveva telefonato al nipote dicendogli che le cose non andavano bene e pregandolo di chiamare i soccorsi. Vigili del fuoco e carabinieri hanno trovato i tre cadaveri.

Da quanto emerso da fonti investigative, Magnolfi avrebbe lasciato dei biglietti per spiegare i motivi del gesto e disposizioni testamentarie. Non trova al momento conferma, invece, l'ipotesi che i due coniugi avessero deciso insieme di uccidere la figlia e di togliersi la vita. Nell'appartamento teatro della strage, i carabinieri hanno sequestrato un fucile da caccia, ritenuto l'arma del delitto.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni