cerca

LA SVOLTA DI FRANCESCO

Il Papa apre alle coppie di fatto

Invito ai parroci: siate vicini ai giovani che preferiscono convivere senza sposarsi

Il Papa apre alle coppie di fatto

Papa Francesco apre le braccia ai "conviventi more uxorio", le coppie di fatto.

"Fatevi prossimi, con lo stile proprio del Vangelo, nell'incontro e nell'accoglienza di quei giovani che preferiscono convivere senza sposarsi".

Lo ha chiesto Papa Francesco ai parroci. Secondo il Papa questi ragazzi "sul piano spirituale e morale, sono tra i poveri e i piccoli, verso i quali la Chiesa, sulle orme del suo Maestro e Signore, vuole essere madre che non abbandona ma che si avvicina e si prende cura".

"Anche queste persone - ha spiegato - sono amate dal cuore di Cristo. Abbiate verso di loro uno sguardo di tenerezza e di compassione".

Il vincolo del matrimonio resta per la Chiesa «un'icona di Dio» ma non per questo si deve sbarrare la porta a chi decide di non sposarsi e di convivere.

Papa Francesco dà udienza ai parroci che hanno partecipato al Corso di formazione sul nuovo processo matrimoniale, promosso dal Tribunale della Rota Romana, e in una Sala Clementina gremita nel Palazzo Apostolico Vaticano, incita i sacerdoti, «con lo stile proprio del Vangelo», a «farsi prossimi nell'incontro e nell'accoglienza di quei giovani che preferiscono convivere senza sposarsi».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • mauro

    mattetti

    18:06, 25 Febbraio 2017

    NOI, TIFIAMO PER IL S.VANGELO!

    A noi, non interessa affatto quanto STABILISCE un giorno si ed un altro pure, questo papa gesuita, venuto dall'Argentina e forse percio', che non comprende, quanto scritto, dai Santi Evangelisti Marco, Luca, Giovanni e Matteo. amen

    Rispondi

    Report

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello