cerca

LA CERIMONIA

Anno Giudiziario, la Cassazione ai pm: "Inchieste troppo lunghe e fughe di notizie"

Anno Giudiziario, la Cassazione ai pm: inchieste troppo lunghe e fughe di notizie

Un fermo monito ai pm risuona nell'aula magna della Cassazione: le inchieste durano troppo, e le continue fughe di notizie sulle indagini finiscono per alimentare processi mediatici. Alla cerimonia di apertura dell'anno giudiziario, il primo presidente della Suprema Corte, Giovanni Canzio, lancia la proposta di introdurre maggiori controlli sull'attività degli inquirenti: "Merita di essere presa in seria considerazione - afferma - la proposta di aprire talune, significative finestre di controllo giurisdizionale nelle indagini, piuttosto che prevedere interventi di tipo gerarchico o disciplinare". Per Canzio, "vanno ricostruite le linee dell'attrazione ordinamentale della figura del pm nel sistema e nella cultura della giurisdizione da cui, di fatto, è visibile in alcuni casi il progressivo distacco, per una sorta di spiccata autoreferenzialità, anche nei rapporti con la narrazione mediatica". Troppo spesso, rileva Canzio, l'opinione pubblica "esprime sentimenti di avversione" per alcune decisioni di proscioglimento o anche di condanna, se ritenute miti, pronunciate dai giudici nei casi ad alto rilievo mediatico. Da qui "una frattura fra gli esiti dell'attività giudiziaria e le aspettative di giustizia, a prescindere da ogni valutazione circa la complessità dei fatti, la validità delle prove, i principi di diritto applicati, le garanzie del processo, la tenuta logica della decisione".

Secondo il presidente della Cassazione, questo "disorientamento nasce dalla discrasia spazio-temporale fra l'ipotesi di accusa, formulata nelle indagini, il pre-giudizio costruito nel processo mediatico parallelo che si instaura immediatamente, le ansie securitarie dei cittadini, dal un lato, e le conclusioni dell'attività giudiziaria che seguono a distanza di tempo dalle indagini, già di per sé troppo lunghe, dall'altro". Talvolta, a parere di Canzio, sono lo stesso pm o il difensore "a intessere un dialogo con i media e, quindi, con l'opinone pubblica: in tal caso, il corto circuito tra rito mediatico e processo penale è destinato ad accentuarsi". Canzio segnala quindi "l'urgenza di un intervento riformatore, diretto a restaurare le linee fisiologiche del giusto processo, ridando respiro, a fronte delle aspettative di giustizia, alla ricostruzione probatoria del fatto e all'accertamento della verita' nel giudizio, secondo criteri di efficienza, ragionevole durata e rispetto delle garanzie".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • mauro

    mattetti

    08:08, 01 Febbraio 2017

    CHI SOSTIENE GLI ESAMI PER ESSERE ASSUNTO NELLA P.A. ....

    Chi sostiene gli esami, per essere assunto nella P.A., in qualita' di magistrato, evidentemente fa parte della famosa SCUOLA POLITICA DEL PD. Chi effettua gli esami ai richiedenti il posto, nella P.A., in qualita' di magistrato, evidentemente e' parte integrante del gruppo docente della SCUOLA POLITICA DEL PD. Altrimenti non si spiegano le lungaggini, le interminabili inchieste, la fuga di notizie (da dare ai giornalisti), le milioni e milioni di pratiche di cause inevase. Basti pensare che per noi (e siamo tantissimi), che abbiamo dei ricorsi, sulle ingiustizie avute, presentati nel 1995, dopo venti anni e passa, senza alcuna risposta, esistono sentenze di EQUA RIPARAZIONE, previste dalla Legge Pinto, gia' passate in giudicato per ben due volte. Tutto cio', comporta per i contribuenti, esborsi suplettivi, ai quali, dovranno far fronte, incidendo sulle decisioni economiche del governo, che......aumentera' le tasse. E così, sara' per tante e tante (ripeto, milioni) altre cause inevase. Tutto cio', viene dalla scelta, predisposizione e promozione dell'apparato giudiziario, concesso a persone incapaci, inutili ed asservite ad un partito, per il solo scopo di ottenere quel posto tanto ambito, ma per il quale, ci vorrebbero ben altre persone piu' capaci, piu' oneste ed anche piu' apolitiche. Proprio come per i militari! Finche' esisteranno questi esaminatori e questi professori, la magistratura dovra' piangere e gli Italiani, dovranno subire le (false) lamentele annuali........

    Rispondi

    Report

.tv

De Luca ci ricasca e chiama "chiattona" la consigliera grillina

Dentro Westminster, il panico durante l'attentato di Londra
Londra, dopo l'attacco a Westminster turisti bloccati per ore sul London Eye
L'ultima verità di Francesco Schettino: "Sono rimasto sulla  Costa Concordia fino all'ultimo minuto"