cerca

CYBERSPIONAGGIO

Spiavano e intercettavano politici e istituzioni: arrestate due persone

Spiavano e intercettavano politici e istituzioni: arrestate due persone

hacker

Spiavano e intercettavano politici, istituzioni, pubbliche amministrazioni, studi professionali e imprenditori di livello nazionale. Il tutto per creare dossier con notizie riservate e dati sensibili. Una vera e propria centrale di cyberspionaggio attiva da anni che stamattina è stata smantellata dalla Polizia postale. 

Tra i nomi finiti nella rete dello spionaggio il premier Matteo Renzi, ma anche Mario Draghi, l'ex premier Mario Monti, il comandante generale della Guardia di Finanza Saverio Capolupo, il banchiere Fabrizio Saccomanni, il cardinale Gianfranco Ravasi. Ma anche numerosi parlamentari tra cui Piero FassinoDaniele Capezzone, Ignazio La Russa e Vincenzo Scotti, Alfonso Papa, Walter Ferrara, Paolo Bonaiuti, Michela Brambilla, Luca Sbardella, Fabrizio Cicchitto.

In manette sono finiti un ingegnere nucleare di 45 anni, Giulio Occhionero, e la sorella Francesca Maria di 49, entrambi residenti a Londra ma domiciliati a Roma, molto noti nel mondo dell’alta finanza capitolina. Ai due vengono contestati i reati di procacciamento di notizie concernenti la sicurezza dello Stato, accesso abusivo a sistema informatico aggravato e intercettazione illecita di comunicazioni informatiche o telematiche.

Grazie a una rete di computer preliminarmente infettati tramite la diffusione di un malware denominato EyePyramid (dal quale prende anche il nome l’operazione), i due hanno per anni raccolto migliaia di dati che venivano poi custoditi su impianti informatici statunitensi, ora sequestrati dagli operatori della Postale, con l'aiuto dei colleghi della Cyber Division dell'Fbi. 

La loggia Tra gli spiati anche gli appartenenti a una loggia massonica, archiviati sotto la sigla "Bros" (fratelli) in una cartella piazzata in una delle numerose drop zone all’estero. L’indagine ha preso il via, si legge nell'ordinanza del gip, "dal tentativo di hackeraggio del sistema informatico dell'Enav, contenente informazioni e dati relativi alla sicurezza pubblica nel settore dell'aviazione civile. Inutile spiegare quanto delicate - e cruciali per la sicurezza nazionale - siano informazioni relative all'ente nazionale aviazione, alle rotte di volo, ai dati dei dipendenti, ove soprattutto si consideri il clima politico mondiale odierno".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi

Degrado capitale, la stazione Termini è un  vespasiano a cielo aperto
La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta