cerca

L'ATTENTATO DI CAPODANNO

L'ultimo sfregio all'artificiere ferito a Firenze: niente assicurazione parte la gara di solidarietà

L'ultimo sfregio all'artificiere ferito a Firenze: niente assicurazione parte la gara di solidarietà

Ha perso un occhio e una mano a causa di un ordigno piazzato, la notte di Capodanno, davanti ad una libreria vicina a CasaPound a Firenze (gli inquirenti starebbero seguendo la pista anarchica) ma ora Mario Vece, l'artificiere della Polizia intervenuto per disinnescare la bomba, rischia di subire un altro sfregio. A denunciarlo il sindacato di Polizia Siulp che ha lanciato una raccolta di fondi a sostegno dell'agente "dal momento che nel contratto non è prevista una polizza assicurativa per danni riportati in servizio. Una situazione paradossale, che vorremmo vedere sanata già nel prossimo contratto di lavoro". 
"I fondi raccolti saranno destinati - dice all'Adnkronos Antonio Lanzilli, Segretario generale del Siulp di Firenze - alle costosissime cure cui Mario dovrà essere sottoposto a seguito della perdita della mano ed alla compromissione quasi totale dell'occhio destro. È una risposta anche alle centinaia di cittadini, di aziende e di colleghi che hanno chiesto di potersi attivare a favore di Mario per aiutare la famiglia in questo momento molto delicato".

Il Siulp Firenze ha quindi aperto un conto corrente presso la banca Unicredit di Firenze, "identificato con la scritta "Per Mario" (iban: IT38B0200802829000104589397) affinché possa essere avviata una raccolta di risorse economiche".

"Inoltre - aggiunge Lanzilli - attraverso il professore Massimiliano Annetta, legale fiduciario del Siulp, è stata presentata la richiesta di costituzione di parte civile, sia per la famiglia di Mario che per il Siulp Firenze, nel processo che ci auguriamo possa tenersi dopo che saranno assicurati alla giustizia gli autori di questo gesto folle, vile e criminale". Il sindacato ha dato mandato al legale anche di perseguire tutti coloro che "diffamino gratuitamente il nostro collega".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • mauro

    mattetti

    14:02, 10 Gennaio 2017

    ECCOLO, IL MOTIVO DELL'AMORE VERSO IL PROSSIMO....

    Finalmente! Non certo per il fatto, quanto per il caso. A nostro amico Mario, tutta la solidarieta' possibile, che si estrinsechera' anche con un versamento adeguato per i motivi qui sopra elencati. Certo,che,ragazzi,vedere un giovane agente,prodigarsi per eliminare una bomba e venire a sapere,che non esiste nemmeno UNO STRACCIO DI ASSICURAZIONE per casi analoghi! Il Ministero dell'Interno,della Difesa e delle Finanze,con questa notizia,ci dicono, praticamente,che i loro giovani soldati/agenti, NON SONO ASSICURATI! Non esiste CAUSA DI SERVIZIO!? Non ci sono soldi,per pagare le spese di ospedale e di cura per questo gagliardo Agente?! La PATRIA DEVE INTERVENIRE SUBITO!!!! Accidenti,a tutti quelli che sono preposti a fare e non fanno un caxxo! Maledetti,tutti quelli che distribuiscono conti correnti a destra e sinistra per donare questo,o quanto vogliono addirittura loro,mentre per questo ragazzo NON ESISTE ASSICURAZIONE!? Il prossimo mio, il prossimo nostro,sono LORO,sono questi ragazzi che rischiano la vita tutti i giorni per salvare la nostra schifossima! Perche' mai,il Papa gesuita Bergoglio,non predica la MISERICORDIA in Piazza San Pietro, a favore di Mario!? Ma, soprattutto,ripeto,le Istituzioni dell'Interno,della Difesa e delle Finanze,si devono attrezzare (e lo debbono fare, IMMEDIATAMENTE, prima cioe' di tornare a casa loro, presso le loro famiglie...) in modo tale che oltre il danno, non venga fuori anche la beffa per questo Nostro Eroe, dimenticato da chi COMANDA.

    Rispondi

    Report

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni