cerca

LA BENEDIZIONE DI NATALE

Dalla Siria alla Palestina, il Papa invoca la pace: "Troppo sangue, ora via ai negoziati"

Da Siria alla Palestina, il Papa invoca la pace: Troppo sangue, ora via a negoziati

Papa Francesco

Dalla Siria alla Colombia, passando per Medio Oriente e Africa con il pensiero rivolto ai più fragili, a cominciare dai bambini. Nella benedizione Urbi et Orbi, davanti a 40mila fedeli riuniti in piazza San Pietro, il Papa chiede per tutti pace e amore. Proprio nell'amore risiede "il potere di Dio" sottolinea in apertura del messaggio di Natale: "È il potere che ha creato il cielo e la terra, che dà vita ad ogni creatura - dice - ai minerali, alle piante, agli animali". L'annuncio di Papa Bergoglio "vuole raggiungere tutti i popoli, specialmente quelli feriti dalla guerra e da aspri conflitti e che sentono più forte il desiderio della pace". E così il Pontefice fa un lungo elenco dei Paesi martoriati da guerre e altre calamità a cominciare dalla Siria, "dove troppo sangue è stato sparso - dice - soprattutto nella città di Aleppo, teatro nelle ultime settimane di una delle battaglie più atroci". "È quanto mai urgente che si garantiscano assistenza e conforto alla stremata popolazione civile, rispettando il diritto umanitario - aggiunge - È tempo che le armi tacciano definitivamente e la comunità internazionale si adoperi attivamente perché si raggiunga una soluzione negoziale e si ristabilisca la convivenza civile nel Paese".

Papa Francesco pensa anche "all'amata Terra Santa, scelta e prediletta da Dio", e auspica che "israeliani e palestinesi abbiano il coraggio e la determinazione di scrivere una nuova pagina della storia, in cui odio e vendetta cedano il posto alla volontà di costruire insieme un futuro di reciproca comprensione e armonia". "Unità e concordia" vengono invocate per tutti i Paesi colpiti da conflitti e terrorismo: dall'Iraq, alla Libia e lo Yemen, e poi, ancora la Nigeria, il Sud Sudan e la Repubblica Democratica del Congo. Un pensiero anche all?Ucraina orientale, "dove è urgente una comune volontà nel recare sollievo alla popolazione e dare attuazione agli impegni assunti", dice il Papa poco prima di ricordare il bisogno di "riconciliazione", anche per Colombia e Venezuela, e la necessità di superare le tensioni in Myanmar e penisola coreana.

Poi Papa Francesco dedica un pensiero alle vittime del terrorismo "che ha seminato paura e morte nel cuore di tante città" e, dopo parole rivolte alla difesa di poveri, migranti e a tutti coloro che "soffrono per le ambizioni economiche di pochi e l'avida ingordigia del dio denaro che porta alla schiavitù", rivolge un augurio speciale a quanti hanno perso ciò che avevano a causa del terremoto. Infine l'abbraccio simbolico a tutti i bimbi del mondo "soprattutto a quelli privati delle gioie dell'infanzia a causa della fame, delle guerre e dell'egoismo degli adulti". Per loro, e non solo, si lavori per la pace, è il monito al centro della benedizione di papa francesco. Perché solo così "c'è la possibilità di un futuro più prospero per tutti".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni