cerca

INTERROGATORI IN PROCURA

L'inchiesta sui rifiuti: Muraro, Raggi e le "soffiate" all'Ama

L'inchiesta sui rifiuti: Muraro, Raggi e le "soffiate" all'Ama

Il sindaco Raggi e l'assessore Muraro

Nei verbali dell'inchiesta sullo smaltimento dei rifiuti e quindi sull'attività svolta dall'assessore all'Ambiente di Roma Capitale, Paola Muraro, finisce anche il sindaco Virginia Raggi. Durante gli interrogatori, infatti, l'ex assessore al Bilancio Marcello Minenna e l'ex capo di gabinetto Carla Raineri, tutti e due dimissionari, assieme all'ex ad di Ama Alessandro Solidoro e il direttore generale Stefano Bina, avrebbero gettato ombre sui rapporti con la Municipalizzata e sulle nomine. Sarebbero perciò al vaglio degli inquirenti documenti personali e relazioni pubbliche per individuare eventuali abusi d'ufficio. In particolare, nel mirino degli investigatori ci sarebbero alcuni verbali segreti che, secondo gli interrogati, sarebbero stati trasmessi «in tempo reale» a persone vicine a Cerroni nell’Ama "in modo da favorire le aziende" del patron delle discariche. Sul fronte delle nomine, invece, si sta indagando sul trasferimento di Marra a responsabile del Personale al posto di Laura Benente. 

Già indagata a Roma per violazione delle norme sullo smaltimento dei rifiuti, l'assessore Muraro potrebbe essere convocata a Palazzo di Giustizia entro Natale. È questa la previsione che si fa negli uffici giudiziari di piazzale Clodio dove nell'imminenza della convocazione dell'assessore i pubblici ministeri hanno chiesto al gip di prorogare di sei mesi i termini dell'indagine per proseguire gli accertamenti. Le contestazioni mosse alla Muraro si riferiscono a fatti che risalgono al periodo in cui era consulente esterna dell'Ama. La violazione contestata è quella prevista dal quarto comma dell'articolo 256 del Codice dell'ambiente violazione che si può estinguere pagando una multa. La contestazione è quella di gestione rifiuti senza autorizzazione. Sulla Muraro la Procura ha aperto anche una seconda indagine per il reato di abuso d'ufficio e avviata alla fine della scorsa estate. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • mario

    rossi

    08:08, 25 Novembre 2016

    Non sono soffiate.

    Per quanto sono pericolose, illegali e puzzolenti, invece che soffiate o spifferi, le chiamerei piu`......scuregge. E chi le fa, le fa !

    Rispondi

    Report