mercoledì 27 luglio 2016

.
Sfogliatore
ACQUISTA EDIZIONE
LEGGI L’EDIZIONE
12/07/2014 06:08

PROCURA DI ROMA

L’aviaria non bastava scandalo «Lingua blu»

Tra i 41 indagati anche dirigenti pubblici. Sistemato il vaccino di mucche e pecore

B__WEB

Con la scusa di salvarli dal virus della «blue-tongue», hanno causato la diffusione della malattia della «lingua blu» negli allevamenti di ruminanti di tutta Italia. Non solo polli e tacchini, anche pecore e capre sono finite nel mirino dei mercanti di virus. Trai i 41 indagati dalla Procura di Roma nell'inchiesta sull'influenza aviaria, ai cui è stato appena notificato l'avviso di conclusione delle indagini preliminari (anticamera della richiesta di rinvio a giudizio), vi sono due dirigenti pubblici accusati di aver «cagionato la diffusione della blue-tongue, per siero conversione da virus vaccinale, provocando ingenti danni al patrimonio zootecnico nazionale». Romano Marabelli, direttore generale del dipartimento Alimenti e Sanità veterinaria del ministero della Salute, e Vincenzo Caporale, direttore dell'Istituto zooprofilattico sperimentale dell'Abruzzo e del Molise, hanno infatti disposto, per la campagna contro la blue-tongue del 2003-2004, l'impiego di un vaccino prodotto nella Repubblica del Sud Africa, senza una sperimentazione che ne valutasse gli effetti indesiderati sugli animali.

Marabelli, insieme ad altri quattro dirigenti del ministero della Salute e tre manager di aziende farmaceutiche, è accusato inoltre di corruzione, rivelazione del segreto d'ufficio e falsità ideologica per aver imposto «attraverso una gestione dispotica e monopolistica dell'emergenza "blue-tongue" - si legge nel capo d'imputazione - la vaccinazione contro il virus della febbre catarrale su tutto il territorio nazionale» e per aver disposto, in assenza di un'effettiva emergenza sanitaria, «l'acquisto in esubero da parte del ministero della Salute di 3.578.800 dosi di vaccino non utilizzate per le campagne 2006-2007, 2007-2008, 2008-2009». Il tutto causando un ingente danno per l'Erario, quantificato in 2 milioni e mezzo di euro solo per la Regione Sardegna, leader in Italia per gli allevamenti di pecore e capre.

Indicato dal procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo come l'organizzatore dell'associazione, Marabelli aveva «il ruolo di favorire gli interessi della ditta farmaceutica Merial Italia spa attraverso accordi illeciti con i suoi dirigenti». In cambio di elevate somme di denaro, viaggi o finanziamenti a convegni o centri di ricerca, il direttore del dipartimento Sanità veterinaria avrebbe violato il decreto legislativo n.119 del 1992 rilasciando alla società Merial «autorizzazioni all'importazione e distribuzione di lotti imprecisati di vaccino inattivato per la malattia della blue-tongue, per un periodo illimitato di tempo». Ugo Vincenzo Santucci, dirigente nello stesso dipartimento, avrebbe invece suggerito e consentito la distribuzione di vaccini prossimi alla scadenza. Il tutto dopo aver concordato l'estensione della loro validità con Pierluigi Crippa, amministratore delegato della Merial Italia spa, Elena Prandini, responsabile dell'ufficio registrazioni della stessa azienda, e Matteo Mantovani, legale rappresentante della ditta Segena. Spettava poi al funzionario ministeriale Virgilio Donini, per evitare che venisse revocata l'autorizzazione all'immissione in commercio, attestare falsamente l'innocuità e l'efficacia clinica dei vaccini della Merial, oltre ad avvisare i suoi dirigenti delle ispezioni in programma, «ricevendo in cambio elevate somme di denaro e viaggi in paesi esteri».

Sempre paventando un'emergenza sanitaria che in realtà non c'era, Marabelli e altri 12 dirigenti pubblici, tra cui la virologa e deputata di Scelta Civica Ilaria Capua, «hanno autorizzato illecitamente l'importazione di 60 milioni di dosi di Dindarol (vaccino per l'enterite emorragica dei polli), del valore di un milione di euro, in favore della ditta Merial Italia spa». Li consegnavano nelle mani di Paolo Candoli, colui che per primo si è fatto recapitare a domicilio dall'Arabia Saudita un ceppo dell'influenza aviaria nascosto in cubetti di ghiaccio.

Valeria Di Corrado






consenso al trattamento dei dati
I commenti inviati vengono pubblicati solo dopo esser stati approvati dalla redazione






Invia una copia anche al tuo indirizzo di posta
Se il codice risultasse illeggibile CLICCA QUI per generarne un altro