cerca

Lunedì 115mila medici in sciopero

ROMALa sanità italiana incrocerà lunedì le braccia per 4 ore di sciopero all’inizio di ciascun turno per «dare un segnale d’allarme al sistema del welfare, perché il definanziamento del Ssn rischia...

ROMA La sanità italiana incrocerà lunedì le braccia per 4 ore di sciopero all’inizio di ciascun turno per «dare un segnale d’allarme al sistema del welfare, perché il definanziamento del Ssn rischia di portare a picco la sanità». A illustrare le ragioni dello sciopero dei medici pubblici i sindacati di settore nel corso di una conferenza stampa. L’astensione dal lavoro riguarderà 115 mila medici e veterinari dipendenti e i 20 mila dirigenti sanitari, amministrativi, tecnici e professionali del Ssn. Rimandati quindi gli interventi programmati e le visite ambulatoriali, mentre saranno garantite le emergenze. A poco è servito l’incontro di ieri sera con il ministro Lorenzin. Il «cloù della giornata sarà infatti a Roma con il sit in dalle ore 10 davanti il ministero di via XX settembre. «La situazione della sanità italiana, vessata da manovre economiche scellerate - avverte Costantino Troise, segretario nazionale Anaao Assomed, alla presentazione a Roma dei motivi dello sciopero - è allo stremo».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni