cerca

Sequestrate mortadelle con false etichette

I carabinieri hanno ritirato dal commercio in Puglia anche taralli, gnocchi di patate ed erbe per arrosti di dubbia provenienza

Ingenti quantitativi di generi alimentari, quali confezioni di taralli, gnocchi di patate, erbe selezionate per arrosti e composto di mortadella, sono stati sequestrati dagli uomini del Comando Regionale Puglia del Corpo forestale dello Stato (Nucleo Tutela Regolamenti comunitari) all'interno di tre aziende del Nord barese. L'attività, diretta dal sostituto procuratore di Trani Antonio Savasta, rientra nei controlli sulla tutela di prodotti agro-alimentari made in Italy. In particolare, i taralli venivano commercializzati riportando sulla confezione il simbolo della bandiera italiana e la dicitura «100% Made in Italy» ma in realtà la provenienza delle materie prime prevalenti era comunitaria oppure extra-Ue. Altri prodotti indicavano l'utilizzo della «mortadella di Bologna» (marchio protetto Igp) ma in realtà non vi era traccia del salume e il suo gusto veniva ottenuto mediante l'utilizzo di miscele di aromi vari di origine straniera. La «miscela di mortadella» e le erbe per arrosti, invece, venivano messe sul mercato proprio come prodotti italiani. Infine gli gnocchi di patate, realizzati con patate a cubetti precotte provenienti dalla Francia, venivano venduti come «patate fresche italiane». Denunciati i tre rappresentanti legali delle aziende produttrici per frode in commercio, vendita di prodotti industriali con segni mendaci e contraffazione prodotti Igp e Dop.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni