cerca

Palermo, uccide convivente davanti al bimbo: fermato

Il presunto omicida è un trentaseienne, Benedetto Conti. Il figlioha vegliato il corpo della mamma fino all’arrivo dei nonni

Palermo, uccide convivente davanti al bimbo: fermato

PALERMO-C_WEB

È stato fermato dalla polizia il presunto omicida della giovane donna uccisa stamattina davanti al bambino: è Benedetto Conti di 36 anni. La vittima, Rosi Bonanno, 25 anni, è' stata assassinata a coltellate nell'abitazione dei suoi genitori, in via Occhiuta nella borgata di Villagrazia, dove si era trasferita dopo aver interrotto la relazione con l'omicida, Benedetto Conti, 40 anni. Dalla loro unione era nato due anni fa un bambino. Conti non si era rassegnato alla fine del rapporto e stamattina e' andato in via Occhiuta per cercare di convincere la donna a tornare con lui. La discussione e' presto sfociata in una lite, e l'uomo ha colpito piu' volte con un coltello Rosi Bonanno. Poi e' scappato. Immediate le ricerche della polizia, che lo ha rintracciato e fermato poco dopo a Villabate, poco fuori Palermo.

L'omicidio e' avvenuto davanti al bambino, che e' rimasto col cadavere della madre finche' i genitori di Rosi Bonanno, che erano usciti per una visita medica, non sono rientrati e hanno scoperto il delitto. Quando e' stato fermato a Villabate, dove abitava, Conti aveva con se' il coltello usato per uccidere e ai poliziotti ha detto di aver ingerito veleno per suicidarsi. E' stato condotto in ospedale per una lavanda gastrica. L'omicida era stato denunciato piu' volte dalla ex convivente per stalking. Dopo la loro separazione era stato convenuto che Conti vedesse il figlio due volte alla settimana, ma l'uomo si sarebbe invece presentato tutti i giorni dalla ex compagna.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni