cerca

«Le stragi del mare frutto di leggi che non funzionano»

«Un evento epocale come quando Giovanni Paolo II andò nella valle dei Templi ad Agrigento lanciando il suo grido contro la mafia». Così il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini descrive le aspettative...

«Le stragi del mare frutto di leggi che non funzionano»

Federico Lombardi

«Un evento epocale come quando Giovanni Paolo II andò nella valle dei Templi ad Agrigento lanciando il suo grido contro la mafia». Così il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini descrive le aspettative dell’isola per la visita di Papa Francesco. «Cosa ci aspettiamo? - continua - Che cambi il modo di percepire il fenomeno migratorio, sul carico che esso porta con sé e sulle ripercussioni che esso ha ed ha avuto su Lampedusa». Secondo il sindaco, le stragi nel Canale di Sicilia sono anche frutto di leggi «che non raggiungono gli effetti che volevano raggiungere»: «È necessario cambiarle, noi abbiamo una lunga storia di accoglienza, ci siamo sostituiti a chi aveva abbandonato i tunisini per strada». Ma non c’è da attendersi un discorso «politico» da parte del Pontefice, come ha sottolineato il portavoce Padre Lombardi: «Con questo viaggio il Papa vuole sottolineare la sua attenzione al dramma delle migrazioni, dei rifugiati, di tutti i problemi che ci sono nel mondo e causano queste grandi sofferenze, ma non è che voglia fare qualche dichiarazione precisa dal punto di vista politico».

«Il Papa ha sempre seguito con grande attenzione quanto accadeva a Lampedusa. Poi è arrivata la sorpresa della sua visita inattesa, decisa in pochissimi giorni» ha detto in conferenza stampa l’arcivescovo di Agrigento monsignor Francesco Montenegro, unica autorità ecclesiastica che parteciperà alla visita. «Cosa significa per la Chiesa? - si chiede - Se un pastore si muove e viene a trovarci, senz'altro questa è l'attenzione del pastore verso le sue pecorelle, soprattutto per quella pecorella che è ultima, come Lampedusa». E ha ribadito, ancora una volta, di augurarsi che «dopo la visita del Santo Padre a Lampedusa non si usi più la parola "emergenza" per parlare di immigrazione. Se il Papa sta venendo qui è perché prende atto che c'è una storia che inizia da lontano. È una storia che dobbiamo accettare anche come nostra. Se si vuole cambiare il mondo, bisogna ripartire dagli ultimi e noi che siamo gli ultimi della fila dimostriamo che si può lanciare un messaggio a tutti quanti». Il viaggio del Pontefice è stato ben accolto anche da parte di esponenti laici come Pannella: «Bisognerebbe mandare una tessera d'onore (del partito radicale, ndr) a Papa Francesco, per la sua scelta di andare a Lampedusa». Anche se non sfugge il tono strumentale della dichiarazione, è la dimostrazione che su certi temi il dialogo è possibile.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"

Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram
Aurora Ramazzotti studentessa modello. Il video fa impazzire i fan