cerca

Cassino, il vicino lo rimprovera e lui gli spara a un piede

E' successo nel quartiere Colosseo. Il diverbio tra condomini finisce a colpi di pistola. In manette un 36enne con precedenti

Cassino, il vicino lo rimprovera e lui gli spara a un piede

carabinieri

Un vicino di casa lo ha rimproverato chiedendogli cortesemente di non sbattere il portone ogni volta che rientrava a notte fonda e lui per tutta risposta è andato a casa ha preso la pistola, ha suonato alla porta del dirimpettaio e una volta che questi è uscito sul pianerottolo gli ha sparato tre colpi di pistola, ferendolo al un piede. E' accaduto la notte scorsa nel quartiere Colosseo di Cassino, dove i protagonisti di questa vicenda vivono uno accanto all'altro.

Un pregiudicato di 36 anni è stato arrestato dai carabinieri mentre il vicino è tutt'ora ricoverato nell'ospedale "Santa Scolastica" della città martire. L'aggressione è avvenuta sotto gli occhi allibiti della moglie e del figlio del vicino, un operaio di 56 anni senza precedenti penali e ritenuto un uomo mite e perbene. E' stata la stessa donna a chiedere l'aiuto ai carabinieri che in pochi minuti sono arrivati sul posto e hanno arrestato il pregiudicato.

I tre bossoli, calibro 7,65, rinvenuti sul posto, sono stati sottoposti a sequestro. Non è stata invece ancora rinvenuta la pistola. Il trentacinquenne dovrà rispondere di lesioni personali aggravate, detenzione e porto abusivo di arma da fuoco ed esplosione di colpi in luogo pubblico. L'uomo è stato portato presso la camera di sicurezza del Comando Compagnia di Cassino, in attesa dell'udienza per il rito direttissimo prevista nelle prossime 48 ore.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

La paura dei turisti "prigionieri" sul London Eye durante l'attacco VIDEO

L'ultima verità di Francesco Schettino: "Sono rimasto sulla  Costa Concordia fino all'ultimo minuto"
Occhiali scuri e cappellino, così rapinava i negozi a Roma
San Severo, spari contro le auto della polizia inviate per l'emergenza criminalità