cerca

Un negozio su 3 non rilascia lo scontrino

Il corpo della Guardia di Finanza è «un affidabile punto di riferimento per la collettività nazionale ed essenziale presidio a difesa della legalità». Così il presidente della Repubblica, Giorgio...

Il corpo della Guardia di Finanza è «un affidabile punto di riferimento per la collettività nazionale ed essenziale presidio a difesa della legalità». Così il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nel messaggio inviato al Comandante Generale della Guardia di Finanza, generale Saverio Capolupo per il 239° anniversario della fondazione del Corpo. Nei primi cinque mesi dell’anno la Finanza ha scoperto 3.506 evasori totali, tra cui anche persone e società solo formalmente residenti all’estero e che non dichiarano nulla in Italia. Quasi 5,5 miliardi di euro sono stati recuperati a tassazione, nello stesso periodo, sul fronte dell’evasione fiscale internazionale. La finanza ha inoltre effettuato 166.737 controlli in materia di scontrini e ricevute: il 33% ha accertato irregolarità. È uno dei dati divulgati in occasione dell’anniversario. Sono invece 14.149 i lavoratori in nero o irregolari scoperti e 2.338 i datori di lavoro verbalizzati. A partire dal primo gennaio 2013 smascherati anche 1.500 «falsi poveri». «Le 26 stazioni di Soccorso Alpino della Finanza dislocate lungo l’arco alpino, gli Appennini e sull’Etna sono sempre pronte a intervenire in aiuto delle persone in difficoltà anche grazie ad unità cinofile specializzate ed ai mezzi aerei del Corpo». I finanzieri del S.A.G.F. hanno eseguito, dall’inizio dell’anno, 1.347 interventi a beneficio di 1.330 persone. E sono stati avviati una serie di accertamenti patrimoniali antimafia nei confronti di 3.540 persone che hanno portato a sequestri di beni e richieste di sequestro per oltre 2,49 miliardi di euro.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Diletta Leotta come non l'avete mai vista 

Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi
Degrado capitale, la stazione Termini è un  vespasiano a cielo aperto
La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"