cerca

Papa Francesco, la bontà riempie la piazza

Fuori programma: ha fatto salire sulla papamobile un ragazzo down con la maglia di Messi

Papa Francesco, la bontà riempie la piazza

A_-_WEB

Forza venite gente. Non è solo il titolo di un musical che sta per riconquistare il mondo, ma anche l’invito non scritto ma semplicemente percepito al quale hanno aderito col cuore e con una presenza massiccia i fedeli riuniti in Piazza San Pietro. Non c’era spazio neanche per un refolo di vento, ma l’aria era frizzante di emozioni forti. Un «tutto esaurito» di antica memoria, ma destinato a fissare nuovi e continui record. Tutti per vedere, ma soprattutto per ascoltare quell’uomo: Francesco. Il nome della semplicità e della dedizione al prossimo, l’anello di congiunzione tra il mistero della fede e la certezza dell’amore, della speranza.

Un’Udienza generale baciata dal sole della luce, trasformata in un dialogo incisivo e penetrante: e, soprattutto, comprensibile. Perché espresso da un uomo semplice, diretto, profondo e palesemente vicino al prossimo. La gente coglie tutto ciò e il muto scambio di sensazioni di gratitudine e di riflessione si mescola, racchiuso da un'azione «fuori protocollo» di Papa Francesco: nel corso del giro al termine dell'Udienza, ha invitato un ragazzo down che indossava la maglia (quella di Messi) della nazionale di calcio argentina a salire a bordo della papamobile. Il giovane ha preso posto proprio sulla poltrona papale della jeep bianca scoperta, coronando così la sua richiesta sùbito esaudita dal Papa, sommerso dagli applausi. Fra i tanti gruppi di fedeli, il Pontefice ha salutato quello della compagnia del musical «Forza Venite Gente» - col produttore Tom Del Monaco e l’autore, Michele Paulicelli - quasi una colonna sonora del legame mistico col mondo dello spettacolo.

Nell’omelia il Papa, in modo molto esplicito, ha voluto fare un richiamo forte all’interno della «sua» Chiesa: «I cristiani non siano ipocriti o moralisti senza bontà, capaci solo di dettare regole e vuoti precetti». Bergoglio ha criticato apertamente anche «gli intellettuali senza talento e i portatori di bellezze da museo: questi sono gli ipocriti ai quali Gesù rimprovera tanto», con riferimento all'atteggiamento degli scribi e dei Farisei descritto nel Vangelo.

Il Pontefice ha definito «ipocriti» anche coloro che «si pavoneggiano nel fare il digiuno, nel dare l'elemosina, nel pregare. Io - ha sottolineato - penso che quando l'ipocrisia arriva a quel punto della relazione con Dio, noi siamo abbastanza vicini al peccato. Questi non sanno di bellezza, non sanno d'amore, non sanno di verità: sono piccoli e vili. Pensiamo anche all'ipocrisia nella Chiesa e a quanto male ci fa a tutti».

Altro concetto chiave: «La Chiesa non è un'associazione politica, culturale o assistenziale, ma è un corpo vivente che cammina e agisce nella Storia che ha un capo, Gesù, che lo guida, lo nutre e lo sorregge». Viva il Papa.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Jennifer Lopez bella e sensuale ai Billboard Latin Music Awards

Incidente in fabbrica, migliaia di litri di succo di frutta nelle strade
Agguato nella bisca del domino, lo colpiscono con un'ascia ma rimane illeso. Poi la rissa
Belen, show nuda nella vasca. E il web impazzisce