cerca

Bertolaso ai pm «Mai preso una tangente»

«Mai preso tangenti per gli appalti del G8. Mai compiuto scelte economicamente svantaggiose per la pubblica amministrazione. Mai favorito alcun imprenditore nell’affidamento delle opere». Guido...

Bertolaso ai pm «Mai preso una tangente»

Bertolaso: era impossibile prevederlo

«Mai preso tangenti per gli appalti del G8. Mai compiuto scelte economicamente svantaggiose per la pubblica amministrazione. Mai favorito alcun imprenditore nell’affidamento delle opere». Guido Bertolaso, ex capo del Dipartimento della Protezione civile («che ho avuto l’onore di guidare per nove anni»), racconta la sua verità a un giudice del Tribunale di Roma che deve decidere se spedirlo sotto processo o meno assieme ad altre 17 persone, tra cui l’ex presidente del Consiglio superiore dei Lavori Pubblici Angelo Balducci, l’imprenditore Diego Anemone e i funzionari pubblici Fabio De Santis e Mauro della Giovampaola. Accusato di corruzione dai pm di Perugia e poi, per competenza, da quelli di Roma, Bertolaso ha chiesto e ottenuto di poter essere interrogato in udienza preliminare per spiegare a tutti di aver sempre agito nel rispetto delle regole e in assoluta buona fede, onorando quella maglietta della Protezione civile «spesso derisa e denigrata» e facendo fronte a tutte le emergenze italiane (Giubileo, terremoti, alluvioni, esondazioni) fino a ottenere la nomina di commissario delegato per il G8 che si sarebbe dovuto tenere alla Maddalena nel 2009. La difesa di Bertolaso è netta: «Non è vero che il 23 settembre 2008 ho preso 50mila euro in contanti da Diego Anemone».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni