cerca

Preiti: «Volevo uccidere due o tre politici»

Diffusa una registrazione dell’uomo che ferì il brigadiere Giangrande davanti a Palazzo Chigi: «Non ce l’ho assolutamente con i carabinieri»

Preiti: «Volevo uccidere due o tre politici»

Sparatoria di fronte a Palazzo Chigi

«Volevo fare qualcosa di eclatante contro i politici. So che c'è il giuramento del governo oggi... volevo colpire due o tre politici, non lo so...poi uccidermi». A parlare, poche ore dopo gli spari davanti a palazzo Chigi, è Luigi Preiti, in una registrazione audio andata ieri in onda in esclusiva sul Gr Rai. «Ho visto che non c'era nessuno di loro - ha raccontato Preiti - e allora ho sparato contro la prima divisa che ho visto, ho sparato alla cieca. Non li ho scelti, non ce l'ho con i carabinieri, mi dispiace parecchio per quelle due persone». «Sono stato costretto ad andare a vivere con i miei genitori a 50 anni, perché mi sono separato dalla moglie e per tanti altri motivi, non lavoro. E questi mangiano dalla mattina alla sera e fanno quello che vogliono», ha concluso.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incidente in fabbrica, un fiume di succo di frutta invade la città

Agguato nella bisca del domino, lo colpiscono con un'ascia ma rimane illeso. Poi la rissa
Belen, show nuda nella vasca. E il web impazzisce
Lei è la sindaca? La Merkel snobba Virginia Raggi