cerca

Preiti: «Volevo uccidere due o tre politici»

Diffusa una registrazione dell’uomo che ferì il brigadiere Giangrande davanti a Palazzo Chigi: «Non ce l’ho assolutamente con i carabinieri»

Preiti: «Volevo uccidere due o tre politici»

Sparatoria di fronte a Palazzo Chigi

«Volevo fare qualcosa di eclatante contro i politici. So che c'è il giuramento del governo oggi... volevo colpire due o tre politici, non lo so...poi uccidermi». A parlare, poche ore dopo gli spari davanti a palazzo Chigi, è Luigi Preiti, in una registrazione audio andata ieri in onda in esclusiva sul Gr Rai. «Ho visto che non c'era nessuno di loro - ha raccontato Preiti - e allora ho sparato contro la prima divisa che ho visto, ho sparato alla cieca. Non li ho scelti, non ce l'ho con i carabinieri, mi dispiace parecchio per quelle due persone». «Sono stato costretto ad andare a vivere con i miei genitori a 50 anni, perché mi sono separato dalla moglie e per tanti altri motivi, non lavoro. E questi mangiano dalla mattina alla sera e fanno quello che vogliono», ha concluso.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

De Luca ci ricasca e chiama "chiattona" la consigliera grillina

Dentro Westminster, il panico durante l'attentato di Londra
Londra, dopo l'attacco a Westminster turisti bloccati per ore sul London Eye
L'ultima verità di Francesco Schettino: "Sono rimasto sulla  Costa Concordia fino all'ultimo minuto"