cerca

Ultimo omaggio al maggiore La Rosa

«Non possiamo tirarci indietro, proprio nelle situazioni di maggiore dolore». Lo ha detto l’ordinario militare monsignor Vincenzo Pelvi durante l’omelia per i funerali di Giuseppe La Rosa, l’ufficial...

Ultimo omaggio al maggiore La Rosa

Aeroporto di Ciampino - Rientro in Italia della salma del Capitano Giuseppe La Rosa

«Non possiamo tirarci indietro, proprio nelle situazioni di maggiore dolore». Lo ha detto l’ordinario militare monsignor Vincenzo Pelvi durante l’omelia per i funerali di Giuseppe La Rosa, l’ufficiale, promosso maggiore, dei bersaglieri ucciso in un attentato sabato mattina in Afghanistan, celebrati ieri sera nella basilica di S. Maria degli Angeli alla presenza del Presidente Napolitano e delle più alte cariche dello Stato. «Sosteniamo - ha detto monsignor Pelvi - ogni tentativo che può condurre alla sicurezza e alla pace dei popoli, bisognosi di cooperazione e solidarietà. I nostri giovani militari cercano di promuovere la riconciliazione e la pace in Paesi in cui si sparge ancora tanto sangue, in guerre che sono sempre una follia. La pace - ha continuato - talvolta rischia di essere considerata solo come frutto di accordi fra governi o di iniziative volte ad assicurare scambi economici. Ma perché tali sforzi possano produrre effetti duraturi è necessario che si appoggino su valori radicati nell'amore alla vita». La salma dell’ufficiale era giunta in mattinata all’aeroporto di Ciampino, accolta dal premier Letta e dal ministro della Difesa Mauro. La camera ardente si è tenuta all’ospedale militare del Celio. La Rosa è stato ricordato anche durante la festa della Marina mentre il marò Massimiliano Latorre gli ha reso omaggio su Facebook: «Una preghiera per il nostro caro capitano Giuseppe La Rosa, che eroicamente ha dedicato e donato la sua vita alla Patria».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni