venerdì 25 aprile 2014
.
Sfogliatore
ACQUISTA EDIZIONE
LEGGI L’EDIZIONE
10/06/2013 08:14

Graziano Mesina arrestato per droga

L’ex bandito sardo ritenuto il capo di una delle due organizzazioni sgominate dai carabinieri e che trattavano anche sequestri. 21 persone in carcere.

MESINA-C_WEB

Nell'ambito di una vasta operazione antidroga è stato arrestato l'ex bandito Graziano Mesina. I carabinieri del reparto operativo del comando provinciale di Nuoro, coadiuvati dai loro colleghi di Milano, Cagliari, Oristano, Sassari, Reggio Calabria, dai cacciatori di Sardegna e dal X Nucleo elicotteri di Olbia, dalle prime ore della mattina hanno svolto, nelle rispettive provincie una vasta operazione finalizzata all'esecuzione di diverse misure cautelari e perquisizioni nei confronti di appartenenti a due associazioni dedite al traffico di stupefacenti. Il capo di una delle organizzazini, la più pericolosa, è l'ex bandito Graziano Mesina. In manette trenta persone.

Trattava anche rapine, furti e sequestri di persona, e non solo droga, una delle due associazioni per delinquere scoperte dai carabinieri del comando provinciale di Nuoro, che stamane hanno arrestato il presunto capo di quella costituita nel Nuorese, l'ex ergastolano, graziato dal presidente della Repubblica nel 2004, Graziano Mesina, 71 anni. Sono 21 le persone finite in carcere fra Reggio Calabria, Milano, Cagliari, Sassari, Oristano e Olbia, mentre per cinque sono scattati gli arresti domiciliari.

Sono otto gli arrestati riconducibili all'organizzazione del Nuorese capeggiata da Mesina, che l'aveva costituita - secondo l'accusa - con base a Orgosolo, il suo paese, contando sulla fedeltà di congiunti e di una fitta rete di parentele. L'associazione per delinquere attiva nel Cagliaritano, invece, di cui fanno parte gli altri arrestati - sempre secondo quanto ricostruito dagli inquirenti - era gestita da Gigino Milia, 66 anni, di Fluminimaggiore (Sulcis-Iglesiente), amico di lunga data di Mesina: entrambi erano stati condannati per sequestro di persona e ricettazione il 23 giugno 1978 dal tribunale di Camerino. Fino al 2010 i due amici, sfruttando conoscenze e il credito maturato nel tempo fra esponenti della criminalità sarda e della penisola, sono riusciti ad acquistare - sostengono i carabinieri - grosse partite di droga (eroina, cocaina, marijuana) e a rivenderle ad altre organizzazioni e a spacciatori attivi nelle province di Cagliari, Sassari e Nuoro. Negli ultimi anni, invece, Mesina si era organizzato autonomamente, con propri canali di approvvigionamento.

Oltre a Mesina, in carcere sono finiti gli orgolesi Raimondo Crissantu, 43 anni, Salvatore e Franco Devias, rispettivamente di 43 e 41 anni, Giovanni Filindeu, 35 anni, Giovanni Antonio Musina, di 39, e Francesco Sini, di 45, che gia' era agli arresti domiciliari per un altro reato. Ai sette dell'organizzazione nuorese si aggiunge Francesco Piras, 58 anni, di Norbello (Oristano). Le indagini dirette dalla Dda di Cagliari hanno consentito di accertare che Mesina, fra luglio 2008 e luglio 2009, assieme a Milia aveva gestito un notevole traffico di droga da Milano in Sardegna: nel capoluogo lombardo l'ex ergastolano e l'amico avevano trattato con esponenti di organizzazioni criminali locali, calabresi e albanesi da cui hanno acquistato - secondo gli inquirenti - diverse partite di eroina destinate al mercato sardo. Il custode dello stupefacente, che arrivava tramite corrieri controllati dalle due organizzazioni, era Antonio Mascia, 57 anni, di Villanovafranca (Medio Campidano), finito in carcere a Buoncammino. Il pagamento della droga ai fornitori era affidato all'avvocato cagliaritano Corrado Altea, 62 anni, originario di Arbus, anch'egli trasferito a Buocammino. Il legale, per conto dell'associazione, ha svolto altri incarichi, secondo l'accusa: come avvocato, ha potuto avere colloqui in carcere con Mascia in un periodo in cui era detenuto per scontare un residuo di pena e sapere da lui doveva aveva nascosto la droga custodita per conto dell'associazione.

Redazione online






consenso al trattamento dei dati
I commenti inviati vengono pubblicati solo dopo esser stati approvati dalla redazione






Invia una copia anche al tuo indirizzo di posta
Se il codice risultasse illeggibile CLICCA QUI per generarne un altro

 

Copyright 2001 Quotidiano IL Tempo srl tutti i diritti riservati - Gerenza - Pubblicità