cerca

Il Papa contro la schiavitù Tutto il mondo in preghiera

Tutto il mondo in preghiera contro la schivitù. Papa Francesco ha deciso che oggi a San Pietro dalle 17 alle 18 e contemporaneamente in tutte le cattedrali del mondo si pregherà per quanti vivono la...

Tutto il mondo in preghiera contro la schivitù. Papa Francesco ha deciso che oggi a San Pietro dalle 17 alle 18 e contemporaneamente in tutte le cattedrali del mondo si pregherà per quanti vivono la sofferenza di nuove schiavitù e sono vittime delle guerre, della tratta delle persone, del narcotraffico e del lavoro, per i bambini e le donne che subiscono ogni forma di violenza. L’occasione per questa inedita mobilitazione spirituale sarà l’Adorazione Eucaristica convocata in San Pietro dal Pontefice e dai 5 mila vescovi del mondo nelle loro Cattedrali.

«Si tratta di un evento storico - ha affermato monsignor Rino Fisichella rivelando che un’altra invocazione sarà per la Chiesa sparsa in tutto il mondo e in segno di unità raccolta nell’Adorazione della SS. Eucaristia». Dal messaggio di Pasqua in avanti, ogni settimana Papa Francesco è tornato sul dramma della tratta e del «lavoro schiavo», fino alle fortissime parole pronunciate a commento della beatificazione di don Puglisi: «Penso a tanti dolori di uomini e donne, anche di bambini, che sono sfruttati dalle mafie, che li sfruttano facendo fare loro un lavoro che li rende schiavi, con la prostituzione, con tante pressioni sociali. Dietro a questi sfruttamenti, dietro a queste schiavitù ci sono mafie. Preghiamo il Signore perché converta il cuore di queste persone. Non possono fare questo. Preghiamo perché questi mafiosi e queste mafiose si convertano a Dio».

Da Carpi (colpita proprio un anno fa dal terremoto) il vescovo Cavina ha scritto che «nella chiesa che sostituisce la cattedrale, nelle pochissime chiese parrocchiali agibili e in tutte le tende dove vivono le nostre parrocchie si terrà l’Adorazione». Le Isole Cook, Samoa e Honolulu si uniranno alle preghiere alle cinque del mattino, mentre nel punto più al nord, a Reykiavik in Islanda, saranno le quindici. Tutte le diocesi del Vietnam saranno unite a Roma alle ventidue, ora locale, mentre in Corea sarà mezzanotte. In Oceania sarà già 3 giugno (dall’una alle due del mattino). Non saranno assenti all'appuntamento le Isole Galapagos nel cuore della foresta Amazzonica, Norvegia, Bangladesh, Irak, Burkina Faso, Russia, Giappone, Stati Uniti , Canada, America Latina, Perù, Argentina, Nicaragua, Colombia, Honduras, Ecuador, India, Singapore e Filippine.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incidente in fabbrica, un fiume di succo di frutta invade la città

Agguato nella bisca del domino, lo colpiscono con un'ascia ma rimane illeso. Poi la rissa
Belen, show nuda nella vasca. E il web impazzisce
Lei è la sindaca? La Merkel snobba Virginia Raggi