cerca

Processo Ruby bis, il pm: Minetti fece sesso ad Arcore

Il sostituto procuratore di Milano Sangermano durante la requisitoria: abbiamo avuto una macroscopica notizia di reato, Fede e Mora come assaggiatori di vini pregiati

Processo Ruby bis, il pm: Minetti fece sesso ad Arcore

RUBY: NO A ECCEZIONI DIFESA, PROCESSO RESTA A MILANO

È il giorno della requisitoria al processo «Ruby bis» a carico di Emilio Fede, Nicole Minetti e Lele Mora, accusati di induzione e favoreggiamento della prostituzione, anche minorile. Il pm Antonio Sangermano ha rivendicato la necessità delle indagini sulla vicenda, nate da una «macroscopica notizia di reato. Secondo la difesa queste indagini sono state un espediente per spiare una persona dal buco della serratura. Chi sostiene questi argomenti è in malafede ed è mosso da una tesi precostituita. Noi magistrati abbiamo adempiuto con onore al nostro dovere istituzionale. I pm di Milano hanno ricevuto una macroscopica notizia di reato». Questa «notizia di reato» è per il pm quella relativa a «una ragazzina che girava per la città con pacchi di denaro in tasca e viveva come una prostituta soggiornando in alberghi di lusso e andava in giro a raccontare che frequentava un uomo ricco e potente. Questa stessa ragazzina risultava essere fuggita da diverse comunità per minori». Il rappresentante dell’accusa ha spiegato che nel nostro ordinamento sono in vigore i principi dell'obbligatorietà dell'azione penale e dell’uguaglianza di tutti davanti alla legge, ai quali le indagini si sono ispirati. «Nella vicenda Ruby - sono le sue parole - la legge è stata violata e la dignità di una minorenne è stata violentata». «Non diciamo compari, perché è un termine dispregiativo, ma definiamoli sodali e complici». Così il pm Sangermano definisce il legame tra i due imputati Emilio Fede e Lele Mora. Secondo il pm, i due seguivano sempre lo stesso schema nell'individuare le ragazze da portare ad Arcore e nell'inserirle all'interno del circuito. Si comportavano come «assaggiatori di pregiati vini» che valutavano la gradevolezza estetica delle giovani. Nicole Minetti, invece, per il pm, non svolgeva solamente un'attiva di intermediazione» con le giovani ospiti delle feste di Silvio Berlusconi «ma partecipava attivamente alle serate di Arcore compiendo atti sessuali retribuiti». Per Sangermano i tre imputati avevano messo in piedi «un sistema» per portare giovani ragazze alle feste del Cavaliere e creato un «apparato complesso per remunerare le giovani donne» per le loro prestazioni sessuali.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Agguato nella bisca del domino, lo colpiscono con un'ascia ma reagisce. Poi la rissa

Belen, show nuda nella vasca. E il web impazzisce
Lei è la sindaca? La Merkel snobba Virginia Raggi
De Luca ci ricasca e chiama "chiattona" la consigliera M5s Valeria Ciarambino