cerca

L’innovazione della chiarezza

Il presidente Mochi: «La trasparenza è necessaria per realizzare una profonda trasformazione della PA»

L’innovazione della chiarezza

B__WEB

Dal 28 al 30 maggio torna Forum PA che celebra la sua XXIV edizione. L’evento si svolgerà nella nuova sede del Palazzo dei Congressi all’EUR, tre giorni di riflessione e confronto tra cittadini e addetti ai lavori. Il presidente di Forum PA Carlo Mochi Sismondi non ha dubbi: «Lo slogan scelto quest’anno "Il Paese alla sfida della trasparenza" rappresenta il punto di vista che vogliamo proporre. La trasparenza è un requisito essenziale per realizzare quella profonda innovazione istituzionale, organizzativa e tecnologica della PA, necessaria oggi per far ripartire il Paese e intraprendere un percorso di crescita. È necessario un cambio di passo per la Pubblica Amministrazione, al fine di ricreare le condizione per una politica vera: ciò è possibile solo attraverso la chiarezza e la trasparenza. Quello scelto sembra uno slogan buonista, ma non è così : si tratta di proposte concrete e progetti reali. Martedì 28 si parte con un convegno: "quale PA per quale Paese?": se non partiamo da questo interrogativo base, se non riusciamo a dare una risposta a questa domanda è inutile che ci chiediamo anche tutto il resto».

Ce ne fa un esempio?

«Fondamentale è il tema dell’accountability, ovvero il "rendere conto" di come le Istituzione spendono i soldi. La legislazione prevede già delle misure di controllo, ma è necessario andare oltre; non stiamo parlando dell’occhio del guardone che va a controllare o fare i conti in tasca; non bisogna fermarsi alla superficie, bisogna far sapere se i soldi della PA vengono spesi bene o male ed essere in grado di comunicare e far comprendere il rapporto costi benefici nelle risorse impiegate. La vera trasparenza si traduce nella capacità di spiegare ciò ai cittadini».

Durante i tre giorni del Forum quali saranno le linee guide dettate per mettere in pratica questo tipo di trasparenza?

«Innanzitutto Open PA, ovvero rendiamo conto ai cittadini. Verranno premiate le best practice, ovvero le amministrazioni che hanno fatto dei passi importanti verso la "trasparenza dinamica". Durante il forum ci saranno, inoltre, numerose iniziative dedicate ai dipendenti della PA: momenti di formazione per un cambio di mentalità necessario per fare un passo in avanti. È importante che i nostri funzionari pubblici siano in grado di negoziare e spendere le risorse che ci vengono offerte dall’Europa. Con il Ministro per la Coesione Sociale Trigilia e il Commissario Europero per la Politica Regionale, Johannes Hahn, si affronterà proprio un focus su come si stanno implementando i metodi e i modelli organizzativi».

L’agenda digitale può essere uno strumento efficace?

«Qui c’è un enorme lavoro da fare, manca una responsabilità politica, a differenza di altri Paesi europei che prevedono una figura politica che si occupa di questo tema, in Italia l’argomento è ripartito tra diversi ministeri: manca coordinamento e un filo conduttore che porti a un progetto comune. Se non si riesce a far patire l’agenda digitale non ci può essere vera innovazione e senza innovazione non si riesce ad uscire da questa crisi economica, poiché da sempre l'innovazione porta posti di lavoro e crea ricchezza. Va pensata una PA digitale, una Sanità digitale, una Scuola digitale».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni