cerca

Il Cda dell’Ilva si dimette

TARANTO Il consiglio di amministrazione dell'Ilva, nelle persone di Bruno Ferrante, Enrico Bondi e Giuseppe De Iure, ha presentato le dimissioni con effetto dalla data dell'assemblea dei soci, che...

TARANTO Il consiglio di amministrazione dell'Ilva, nelle persone di Bruno Ferrante, Enrico Bondi e Giuseppe De Iure, ha presentato le dimissioni con effetto dalla data dell'assemblea dei soci, che il Consiglio ha convocato per il 5 giugno alle 9, ponendo all'ordine del giorno la nomina del nuovo Cda. Lo comunica l'Ilva in una nota dopo che ieri il consiglio di amministrazione ha esaminato il provvedimento del gip di Taranto che colpisce i beni di pertinenza di Riva Fire e in via residuale gli immobili di Ilva che non siano strettamente indispensabili all'esercizio dell'attività produttiva nello stabilimento. «Per tali motivi - spiega la nota - il provvedimento ha effetti oggettivamente negativi per Ilva, i cui beni sono tutti strettamente indispensabili all'attività industriale e per questo tutelati dalla legge n.231 del 2012, dichiarata legittima dalla Corte Costituzionale». Per la Fim- Cisl, «con le dimissioni del cda, la situazione che riguarda il gruppo industriale rischia di finire allo sbando totale».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni