cerca

Il Papa: i movimenti sono una ricchezza

«Unità non significa uniformità ma attenzione alle deviazioni»

Il Papa: i movimenti sono una ricchezza

B__WEB

La grande festa dei movimenti, delle associazioni e delle nuove comunità ecclesiali iniziata con la veglia di sabato è proseguita ieri mattina in piazza San Pietro dove Papa Francesco ha celebrato la Messa nella solennità della Pentecoste. È l’appuntamento più importante dell’anno liturgico dopo Pasqua e Natale e nell’Anno della Fede ha visto una folla oceanica di circa 200.000 fedeli da ogni parte del mondo radunarsi attorno al Successore di Pietro.

«Unità non significa uniformità - ha detto il Pontefice - Se ci lasciamo guidare dallo Spirito, la ricchezza, la varietà, la diversità non diventano mai conflitto». Insomma, ogni viandante segua la sua strada a patto di rimanere nel sentiero sicuro tracciato dalla fedeltà ai vescovi: «Il camminare insieme nella Chiesa, guidati dai Pastori, che hanno uno speciale carisma e ministero, è segno dell’azione dello Spirito Santo; è la Chiesa che mi porta Cristo e mi porta a Cristo; i cammini paralleli sono tanto pericolosi!». È il passaggio centrale dell’omelia di Francesco che ha messo in rilievo l’importanza delle nuove realtà ecclesiali ma ha anche ammonito sui pericoli di creare dottrine fai da te, sulla necessità di mantenersi saldi nel solco della fede, di evitare pericolose deviazioni.

Il Papa è tornato sulla bellezza di questa varietà nella Chiesa durante la recita del «Regina Coeli», al termine della celebrazione con numerosi cardinali e vescovi: «Una rinnovata Pentecoste che ha trasformato Piazza San Pietro in un Cenacolo a cielo aperto - ha detto - Nella varietà dei carismi, abbiamo sperimentato la bellezza dell’unità, di essere una cosa sola. E questo è opera dello Spirito Santo, che crea sempre nuovamente l’unità nella Chiesa. Siete un dono, una ricchezza nella Chiesa!» concludendo con un’esortazione: «Non abbiate paura! Abbiate sempre la gioia e la passione per la comunione nella Chiesa!».

Nell’omelia il Papa ha seguito lo schema a lui caro delle «tre parole», legate in questo caso all’azione dello Spirito Santo: novità, armonia e missione. «Spesso - ha detto Francesco - abbiamo paura che Dio ci faccia percorrere strade nuove, ci faccia uscire dal nostro orizzonte limitato, chiuso, egoista, per aprirci ai suoi orizzonti. Ma, in tutta la storia della salvezza, quando Dio si rivela porta novità - Dio porta sempre novità -, trasforma e chiede di fidarsi totalmente di Lui». Non si tratta di «novità per la novità, la ricerca del nuovo per superare la noia come avviene nel nostro tempo. La novità che Dio porta nella nostra vita è ciò che veramente ci realizza».

Quanto all’armonia, il Pontefice ha sottolineato che «solo lo Spirito Santo» che apparentemente porta disordine «può suscitare la diversità, la pluralità, la molteplicità e, nello stesso tempo, operare l’unità. Quando siamo noi a voler fare la diversità e ci chiudiamo nei nostri particolarismi, nei nostri esclusivismi, portiamo la divisione; e quando siamo noi a voler fare l’unità secondo i nostri disegni umani, finiamo per portare l’uniformità, l’omologazione. Se invece ci lasciamo guidare dallo Spirito, la ricchezza, la varietà, la diversità non diventano mai conflitto».

Infine, la missione. «L’anima - ha detto Francesco - è una specie di barca a vela, lo Spirito Santo è il vento che soffia. Senza la sua spinta, senza la sua grazia, noi non andiamo avanti. Lo Spirito Santo ci fa entrare nel mistero del Dio vivente e ci salva dal pericolo di una Chiesa gnostica e di una Chiesa autoreferenziale. Lo Spirito Santo è l’anima della missione. Quanto avvenuto a Gerusalemme quasi duemila anni fa non è un fatto lontano da noi, è un fatto che ci raggiunge. Lo Spirito Santo - ha concluso - ci fa vedere l’orizzonte e ci spinge fino alle periferie esistenziali per annunciare la vita di Gesù Cristo».

Al termine del «Regina Coeli» il Papa ha anche invitato a pregare per le popolazioni dell’Emilia Romagna colpite dal terremoto un anno fa.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incidente in fabbrica, un fiume di succo di frutta invade la città

Agguato nella bisca del domino, lo colpiscono con un'ascia ma rimane illeso. Poi la rissa
Belen, show nuda nella vasca. E il web impazzisce
Lei è la sindaca? La Merkel snobba Virginia Raggi