cerca

Maltrattamenti in famiglia, allontanato il figlio di Renato Zero

Roberto, 40 anni, non può far rientro nella casa dove vivono l’ex moglie e le figlie

Maltrattamenti in famiglia, allontanato  il figlio di Renato Zero

ZERO-C_WEB

Mentre Renato Zero, suo padre adottivo, continua a godere di fama e successo e sta preparando il prossimo concerto, il figlio Roberto Anselmo Fiacchini di 40 anni, finisce nel mirino del magistrato che lo accusa per i maltrattamenti e le privazioni inflitte alla ex moglie e alle due figlie. Queste ultime assistite da un avvocato penalista, hanno ottenuto tre giorni fa un'ordinanza firmata dal gip Carmine Castaldo con il quale Fiacchini è stato allontanato dall'abitazione di via Igea con l'obbligo di non farvi rientro senza autorizzazione del giudice. Inoltre l'uomo dovrà versare mensilmente alla moglie e alle figlie duemila euro a titolo di mantenimento. Il matrimonio era avvenuto nel 2004 e la coppia si separò nel 2010. Ma Fiacchini nel 2011 aveva riallacciato il rapporto con l'ex moglie cominciando, tuttavia, dopo qualche tempo - ha sostenuto la donna in una denuncia all'autorità giudiziaria- le vessazioni, da qui una nuova richiesta di separazione. Nel provvedimento il giudice Castaldo sottolinea tra l'altro che «i maltrattamenti iniziati nel settembre dello scorso anno sono avvenuti attraverso continue, perduranti e reiterate vessazioni di ordine psicologico e fisico, rendendo penosa e intollerabile la convivenza». Tutto questo accompagnato da ingiurie alla moglie anche davanti alle figlie e agli estranei accompagnati da aggressioni fisiche. Nell'ordinanza il giudice rileva come «le condotte in questione si connotino per il requisito di abitualità; che sussiste il concreto pericolo di recidiva; che la misura dell'allontanamento da casa come richiesto dal pubblico ministero rappresenta la cautela minima che consente di interrompere l'attività delittuosa».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500