cerca

«Roma protesta contro la morte di innocenti»

...

«Se si è contro la pena di morte non è possibile non schierarsi contro gli attacchi alla vita innocente che derivano dall'aborto e dall’eutanasia. Come possono Roma e il Colosseo non protestare contro la morte di innocenti, di coloro che non sono nati o degli anziani malati che non meritano di finire la loro vita con l’eutanasia? È giusto che ci sia questo grande messaggio a favore della vita».

Lo ha detto il sindaco Gianni Alemanno, che ieri ha partecipato alla Marcia per la vita, organizzata al Colosseo dalle assocazioni del mondo cattolico per dire «no» all’aborto e «no» all'eutanasia. «Più nascite, meno aborti», «L'aborto è omicidio», «Legge 194: già 5 milioni di morti», «La vita inizia col concepimento», «Non uccidiamo il futuro». Questi alcuni striscioni esposti durante il corteo diretto a Castel Sant'Angelo. A chi gli chiede se debba essere il Governo ad affrontare i temi legati alla 194 e all’eutanasia, Alemanno risponde: «Penso che il Governo non debba intevenire su questi temi vista la sua natura bipartisan ma debba lasciare al Parlamento e alle commissioni il dibattito». Sulla possibilità di abrogare la legge 194, come chiesto dai manifestanti, il sindaco ha aggiunto: «La legge deve essere attuata soprattutto nella parte che ci aiuta a combattere l’aborto. Bisogna aiutare le donne incinte e in difficoltà a non abortire». Infine, rispetto alle unioni tra omosessuali: «Dobbiamo rispettare tutti, anche gi omosessuali, ed essere contro ogni forma di omofobia. Ma la famiglia - ha concluso - come scrive la Costituzione, è l'unione di uomo e donna finalizzata al concepimento».

«Sono alla marcia per la vita per ribadire una chiara scelta di campo», ha detto da parte sua Maurizio Gasparri, Vicepresidente Pdl del Senato. Assente il candidato sindaco del Pd, Ignazio Marino: «Non sono alla marcia per la vita perché non voglio strumentalizzare politicamente un'iniziativa giusta» ha detto ed ha osservato: «Io sono per la difesa della vita in ogni suo stadio, ma non si può prendere parte alla marcia solo perché le elezioni comunali sono vicine». Immediata la replica del centrodestra: «Marino ha così tanto a cuore Roma che prima della sua candidatura se ne è sempre disinteressato. Inoltre ha memoria corta, altrimenti ricorderebbe perfettamente che il sindaco Alemanno ha partecipato alla Marcia per la Vita anche l'anno scorso».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni