cerca

«Chi si lamenta troppo non è un buon cristiano»

Omelia del Papa durante la messa alla Domus Santa Marta. «Il credente è sempre gioioso e mai triste. Il paziente è quello che, alla lunga, è il più giovane. A questo invita il Signore».

«Chi si lamenta troppo non è un buon cristiano»

ORDINE-C_WEB

«Un cristiano che continuamente si lamenta, tralascia di essere un buon cristiano». A lanciare questo monito è Papa Francesco nell'omelia della messa alla Domus Santa Marta. Per il Pontefice 76enne, ma dal vigore assolutamente giovanile, il «sopportare gioioso» non ci fa invecchiare ma rimanere giovani. «Anche nelle tribolazioni - spiega - il cristiano è sempre gioioso e mai triste». Secondo Papa Francesco, «il paziente è quello che, alla lunga, è più giovane! Pensiamo - sottolinea - a quegli anziani e anziane nella casa del riposo, a quelli che hanno sopportato tanto nella vita: Guardiamo gli occhi, occhi giovani, hanno uno spirito giovane e una rinnovata giovinezza. A questo - assicura il Pontefice - ci invita il Signore: a questa rinnovata giovinezza pasquale per il cammino dell'amore, della pazienza, del sopportare le tribolazioni e anche, mi permetto di dire, di sopportarci l'uno l'altro. Perché - esorta - questo dobbiamo farlo anche con carità e con amore, perché se io devo sopportare te, sono sicuro che tu mi sopporti a me e così andiamo avanti nel cammino della strada di Gesù. Chiediamo al Signore - invoca dunque Bergoglio - la grazia di questo sopportare cristiano che ci dà la pace, di questo sopportare col cuore, di questo sopportare gioioso per diventare sempre più giovani, come il buon vino: più giovani con questa rinnovata gioventù pasquale dello spirito».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Maturità, Fedez: Cosa avresti scelto? "Non so, non l'ho fatta"

 Décolleté e micro-bikini Cristina Buccino sirena hot a Formentera
Il topless super sexy di Brittny Ward, la fidanzata del pilota Jenson Button
Nonnino di 80 anni in contromano in autostrada nel Genovese