cerca

Sfruttamento della prostituzione: condannato Melluso

Otto anni di reclusione per «Gianni il bello», grande accusatore di Tortora. Quattro anni anche alla moglie

Torna a far parlare di sé Gianni Melluso, il grande accusatore di Enzo Tortora. Il Gup del Tribunale di Sciacca Roberta Nodari, al termine del processo celebrato con il rito abbreviato, ha condannato a 8 anni di reclusione «"Gianni il bello». L'uomo, gestore di un night club a luci rosse a Sciacca, è stato condannato per sfruttamento della prostituzione. Il gup, inoltre, ha inflitto 4 anni alla moglie di Melluso, Raffaella Pecoraro, 3 anni e 4 mesi a Pellegrino Grisafi e 3 anni a Stefano Giovanni Ernesto. I quattro furono coinvolti nell'operazione denominata «Portobello», in riferimento alla storia processuale di Melluso, che portò alla scoperta di un'organizzazione criminale operante nel territorio di Sciacca, dedita allo sfruttamento della prostituzione utilizzando giovani donne romene e sudamericane.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500