cerca

Pedofilia, arrestato prete nel Novarese

Nei giorni scorsi il parroco don Marco Rasia, 42 anni, aveva chiesto al vescovo la rinuncia all’incarico. La Diocesi: «Sorpresa, sgomento e tristezza»

Omegna (Verbania) - Don Marco Rasia, 42 anni, fino alla settimana scorsa coadiutore della parrocchia e dell'oratorio di Omegna, cittadina sulla sponda Nord del Lago d'Orta, nel Verbano-Cusio-Ossola, è stato arrestato con l'accusa di pedofilia, su richiesta della Procura della Repubblica di Novara. Ordinato sacerdote nel 1997, don Rasia era stato per 12 anni a Castelletto Ticino, nel Novarese, fino al 2009. Nei giorni scorsi aveva chiesto al vescovo di Novara, Franco Giulio Brambilla, di rinunciare all'incarico. Mons. Brambilla aveva acconsentito alla rinuncia «concedendogli - dice una nota della Diocesi - un periodo adeguato in cui potesse staccarsi dagli impegni pastorali. La decisione del vescovo - precisa il comunicato - era motivata da elementi per i quali non era possibile prevedere i successivi sviluppi». A Omegna le moltissime persone che conoscono il sacerdote sono incredule. Lo stesso accade anche a Castelletto Ticino, paese dove molti lo ricordano positivamente e dove il prete aveva mantenuto forti legami. E proprio a Castelletto Ticino, a quanto si apprende, sarebbero avvenuti i fatti oggetto dell'accusa. La Diocesi di Novara, cui fa capo la parrocchia di Omegna, nel Verbano-Cusio-Ossola, esprime in una nota «sorpresa, sgomento e tristezza, dopo aver appreso per via ufficiale la notizia del provvedimento di custodia cautelare emesso nei confronti del sacerdote don Marco Rasia», accusato di pedofilia. «In attesa di prendere esatta conoscenza delle imputazioni addebitate a don Rasia - prosegue il comunicato - la Diocesi esprime profonda fiducia nell'operato della Magistratura inquirente e attende gli sviluppi della vicenda, garantendo massima trasparenza nei confronti della comunita' civile ed ecclesiale».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

De Luca ci ricasca e chiama "chiattona" la consigliera grillina

Dentro Westminster, il panico durante l'attentato di Londra
Londra, dopo l'attacco a Westminster turisti bloccati per ore sul London Eye
L'ultima verità di Francesco Schettino: "Sono rimasto sulla  Costa Concordia fino all'ultimo minuto"