cerca

Rissa tra adolescenti, muore quindicenne

Arrestato l’aggressore: ha 17 anni. Feriti altri quattro ragazzi, La vittima raggiunta da una coltellata al cuore. La tragedia nella notte ad Aversa

Rissa tra adolescenti, muore quindicenne

AVERSA-C_WEB

Dramma nella notte in provincia di Caserta. Un ragazzo di 15 anni è stato ucciso mentre si trovava davanti all'ufficio postale di Aversa, in via De Chirico. Il ragazzo era in compagnia di altri quattro amici, tutti i Aversa, San Marcellino e dei comuni limitrofi, quando all'improvviso è arrivato un giovane di 17 anni, che conoscevano ma non frequentavano. Ne è nata una lite per banali motivi: il 17enne ha impugnato un coltello ed ha ferito tutti e cinque i ragazzi. Per il quindicenne raggiunto da due fendenti al cuore e a un polmone, ogni tentativo di soccorso è stato inutile. Trasportato in ospedale all’ospedale San Giuseppe Moscati, è morto dopo due ore di tentativi di rianimazione. Anche gli altri feriti, tutti minorenni, sono stati portati in ospedale. I carabinieri di Aversa sono arrivati poco dopo la rissa ed hanno arrestato il 17enne A. V. I carabinieri hanno sequestrato una vettura, hanno perquisito la casa dell'aggressore e stanno interrogando gli amici della vittima coinvolti nella rissa e rimasti feriti. Sconvolte le due famiglie protagoniste di questa tragedia. Il padre del giovane omicida è un commerciante, gestisce un negozio a San Marcellino e non ha mai avuto problemi con la giustizia. Questa mattina il suo negozio è rimasto chiuso. I ragazzi rimasti coinvolti nella rissa sono quasi tutti imparentati con elementi apicali del clan dei Casalesi, fazione Schiavone-Zagaria. La vittima, D.C. E., e' un nipote di Gaetano Iorio, imprenditore nel settore del calcestruzzo, condannato nel maxi processo Spartacus I, per il quale la Cassazione ha annullato con rinvio alla corte di Appello i provvedimenti di confisca dell'azienda. Iorio, imputato anche nel processo Il Principe e la Scheda ballerina, è stato scarcerato nel novembre scorso ed è sottoposto alla misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale. Uno dei feriti, invece, di 18 anni, è il nipote del capoclan di Casapesenna Michele Zagaria, figlio della sorella del boss richiuso al 41 bis dal 7 dicembre del 2011. E' il nipote del capoclan Salvatore Nobis, detto Scintilla, un altro ragazzo di 17 anni, anche lui ferito.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni